11:49 07 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
0 141
Seguici su

Il leader iraniano, in partenza per la Malaisya, ha lanciato un messaggio che invita gli altri Paesi partner a cooperare con l'Iran.

In un'intervista rilasciata ai giornalisti, e riportata dall'agenzia Tasnim, poco prima della sua partenza per Kuala Lumpur, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato che le "sanzioni illegali imposte dagli Stati Uniti e che hanno influenzato negativamente le relazioni economiche dell'Iran con gli altri Paesi non dureranno a lungo".

Rouhani ha poi sottolineato che il suo Paese continuerà a a perseguire una politica che metta l'Iran al centro delle relazioni tra "i maggiori paesi asiatici".

"La mossa (americana) di imporre le sanzioni non durerà a lungo, e tutti i Paesi del mondo vorranno tenere buone relazioni con l'Iran, specialmente quelli con i quali abbiamo un'amicizia di lungo corso", ha aggiunto il presidente.

Rouhani è partito alla volta della Malaysia, dove prenderà parte al KL Summit 2019, nel corso del quale si incontreranno i leader di molti Paesi musulmani, tra cui quelli di Turchia, Pakistan, Qatar, Indonesia e, ovviamente, Malaysia.

Le sanzioni USA all'Iran

Gli Stati Uniti stanno esercitando una pressione economica e diplomatica molto forte su Teheran dal maggio 2018, dopo la decisione unilaterale, presa da parte di Washington, di ritirarsi dall'accordo sul nucleare di Vienna del 2015, meglio conosciuto con l'acronimo di PACG.

Le recenti proteste, scoppiate in Iran a causa dell'aumento del prezzo del carburante, ha indotto gli USA ha introdurre nuove sanzioni sulle vendite di petrolio per dei presunti abusi dei diritti umani.

Nei giorni scorsi il governo iraniano ha presentato quella che è stata definita la finanziaria anti-sanzioni USA, che ha come scopo quello di rendere meno dipendente lo stato dalle esportazioni petrolifere.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook