05:30 23 Gennaio 2020
Mondo
URL abbreviato
383
Seguici su

Il governo francese ha richiesto alla Russia di restituire la salma di Charles-Étienne César Gudin de La Sablonnière, ritrovata nei pressi della città di Smolensk.

"Il presidente Emmanuel Macron ha effettivamente inoltrato una richiesta ufficiale affinché venga organizzata un'operazione per il ritorno dei resti del generale Gudin, con una cerimonia alla quale parteciperà anche Vladimir Putin", si legge in una nota diffusa dell'Eliseo.

Il programma prevede che si tenga una cerimonia ufficiale presso la Maison des Invalides, a Parigi, dove alla salma del generale verranno resi tutti gli onori, prima che la stessa venga seppellita.

La questione del ritorno delle esequie del generale Gudin sono state discusse durante i colloqui tra Vladimir Putin ed Emmanuel Macron tenutisi a margine dell'incontro del Quartetto Normando dello scorso lunedì.

Gli scavi a Smolensk dove sono stati trovati i resti del generale Gudin
© Foto : Istituto di archeologia dell'Accademia delle scienze della Russia
Gli scavi a Smolensk dove sono stati trovati i resti del generale Gudin

A novembre il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov aveva anticipato la disponibilità di Mosca a restituire i resti del generale Gudin, ritrovati a Smolensk.

La storia del generale Gudin

Charles-Étienne César Gudin de La Sablonnière  fu comandante della 3ª divisione della Grande Armata e combatté le guerre della terza e quarta coalizione tra il 1805 ed il 1807. 

Divenne in seguito conte  del Primo Impero francese nel 1808 e fu nominato governatore del castello di Fontainebleau l'anno seguente.

Fu colpito nel corso della battaglia di Valutino, nel 1812, e morì tre giorni dopo di cancrena.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik