02:49 27 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
1153
Seguici su

Tra Germania e Cina si accende lo scontro sulla tecnologia di comunicazione 5G. Una proposta di legge tedesca potrebbe bloccare la vendita di dispositivi Huawei, ma la Cina è pronta a ritorsioni commerciali.

Alla battaglia sul 5G si aggiunge un nuovo capitolo, questa volta riguarda la Germania, dove il Governo di Angela Merkel sembra voler vietare la commercializzazione della tecnologia 5G fornita da provider cinesi come la Huawei.

L’ambasciatore della Cina in Germania, Wu Ken, ha già comunicato ufficialmente al Governo tedesco che la Cina applicherà ritorsioni commerciali se verrà approvato il disegno di legge che ostacolerà la vendita di tecnologia 5G cinese. In particolare l’ambasciatore ha fatto diretto riferimento al settore automotive e all’esportazione di veicoli da trasporto dalla Germania verso la Cina.

“Il governo cinese non resterà a guardare”, ha detto l’ambasciatore al quotidiano economico tedesco Handelsblatt come riportato da Bloomberg.

Una richiesta di Donald Trump alla Germania?

Nell’ambito della guerra commerciale tra Usa e Cina, che proprio in queste ore sembra trovare un po’ di tregua, si svolge una tenace battaglia sul comparto delle nuove tecnologie di telecomunicazione.

Donald Trump ha imposto un embargo a Huawei, impedendole di rifornirsi di tecnologia statunitense, come i chip per i suoi smartphone e del sistema operativo Android. L’ostacolo che la Germania vorrebbe imporre a Huawei sembra inserirsi in una tattica di “moral suasion” da parte di Trump nei confronti dei suoi alleati europei.

Ma Huawei sta resistendo, sia con azioni legali internazionali che attraverso l'implementazione nei suoi dispositivi tecnologia non made in Usa e l'adozione di un proprio sistema operativo per i dispositivi mobile.

 

Correlati:

La Cina va veloce verso la rete mobile 5g
Il cammino del 5G nel mondo non è tutto rose e fiori
Una settimana dopo il lancio delle 5G in Cina studiano già la rete 6G
Tags:
Huawei, Rete 5G
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook