16:38 08 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
411
Seguici su

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha dichiarato che nei futuri negoziati per la Brexit verrà data la priorità assoluta all’integrità del mercato unico europeo.

L'integrità del mercato unico dell'Unione europea e il mantenimento di una "stretta cooperazione" con il Regno Unito è una priorità nei futuri negoziati sulla Brexit, ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ai giornalisti dopo che i conservatori hanno ottenuto la maggioranza assoluta nelle Elezioni generali nel Regno Unito.

"La parità di condizioni e l'integrità del mercato unico sono una questione molto importante per noi, ciò significa che dovremo discutere, negoziare con il nostro partner (Regno Unito) e vedere come è possibile fornire questa importantissima garanzia per il futuro", ha affermato il nuovo presidente del Consiglio europeo.

Alla domanda se sia possibile raggiungere un accordo sulla Brexit nel corso dei prossimi 12 mesi, Michel ha scelto di non fare previsioni.

"Per quanto riguarda la Brexit, non è mia intenzione prevedere in base all'esperienza del passato, ma spero che saremo in grado di lavorare sodo con il governo britannico", ha affermato.

Michel ha aggiunto che spera di condurre "trattative leali" con il Regno Unito per raggiungere l’accordo.

La vittoria dei conservatori

Con 649 dei 650 collegi elettorali che hanno dichiarato i loro risultati, il partito conservatore di Boris Johnson ha ottenuto una vittoria elettorale schiacciante, che molti hanno attribuito alla sua retorica sul completamento della Brexit.

Il conservatore Boris Johnson, e il leader del partito laburista Jeremy Corbyn hanno viaggiato per l'intero Paese durante l'accesa campagna elettorale: i tories puntano alla realizzazione della Brexit il più presto possibile, mentre i laburisti vogliono un nuovo referendum per decidere la permanenza o meno del Paese nella Ue.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, parlando dopo la vittoria elettorale di venerdì, ha promesso di "portare a termine la Brexit" entro il 31 gennaio 2020.

Come si è arrivati al voto anticipato

La Camera dei Comuni ha respinto tre progetti di legge separati per indire le elezioni anticipate, principalmente per il timore che si concretizzasse una Brexit senza accordo con la Ue.

I membri del parlamento hanno infine approvato la risoluzione sulle elezioni generali al quarto tentativo in una votazione tenutasi il 29 ottobre, dopo che l'Unione europea ha prorogato di altri 3 mesi i tempi per permettere alle autorità britanniche di ratificare l'accordo per concretizzare la Brexit.

Correlati:

Boris Johnson ha promesso Brexit entro il 31 gennaio
Economia Regno Unito: stagnazione a ottobre causa incertezza Brexit
La BREXIT spiegata dalla A alla Br (perché fino alla Z sarebbe stato troppo impegnativo)
Tags:
Charles Michel, Consiglio Europeo, Brexit
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook