19:02 11 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

Lo Stretto di Hormuz è d'importanza strategica. Collega gli stati del Golfo con l'Oceano Indiano e funge da passaggio per un terzo del gas naturale liquefatto del mondo e quasi un quarto delle esportazioni globali di petrolio.

Il governo danese invierà una fregata, un elicottero e un equipaggio di 155 persone nello Stretto di Hormuz per quattro mesi nell'autunno del 2020, hanno detto il ministro degli Esteri Jeppe Kofod e il ministro della Difesa Trine Bramsen in una dichiarazione dopo un incontro con il Comitato di politica estera.

"Questo contributo può aiutare a garantire che le nostre navi possano navigare liberamente senza correre rischi per la sicurezza", ha dichiarato il ministro degli Esteri Jeppe Kofod alla radio danese.

Jeppe Kofod ha sottolineato l'interesse speciale della Danimarca per la sicurezza marittima come quinta nazione marinara al mondo per dimensioni. Secondo lui, il contributo danese dovrebbe essere visto come un complemento di altri sforzi nella regione, come l'International Maritime Security Construct (IMSC), che include anche il Regno Unito e l'Arabia Saudita.

Il contributo danese farà parte di una missione di sorveglianza marittima a guida europea nello Stretto di Hormuz, concordata nei Paesi Bassi alla fine di novembre. Inoltre, il contributo consiste in uno o due funzionari che lavoreranno nella sede a guida francese ad Abu Dhabi per 12 mesi.

Il ministro della Difesa Trine Bramsen ha sottolineato che la Danimarca ha una marina capace di "assumersi responsabilità" e "difendere i principi in cui crede".

Tuttavia, l'approvazione finale da parte del parlamento è ancora necessaria per lo spiegamento navale.

Gli attacchi alle petroliere nello Stretto di Hormuz

All'inizio di quest'anno, lo Stretto di Hormuz ha visto diversi attacchi alle petroliere. Gli Stati Uniti e alcuni dei suoi alleati regionali ed europei li hanno imputati all'Iran, cosa che Teheran nega categoricamente, e hanno porposto una coalizione con sede in Bahrain apparentemente per proteggere la navigazione.

La Danimarca ha chiarito che era propensa a entrare a far parte di una coalizione internazionale al fine di proteggere il trasporto marittimo internazionale già questa estate. Nel 2015 le autorità iraniane hanno sequestrato una nave Maersk nello Stretto di Hormuz per un debito non pagato di cui la compagnia danese non era stata informata. La nave è stata liberata in meno di quindici giorni.

Lo Stretto di Hormuz si trova tra Oman e Iran e collega numerosi stati del Golfo, come Iraq, Kuwait, Arabia Saudita, Bahrain, Qatar e Emirati Arabi Uniti. È una rotta marittima chiave per il commercio internazionale di petrolio e ha una grande importanza strategica. Un terzo del gas naturale liquefatto del mondo e quasi un quarto del consumo totale mondiale di petrolio attraversa lo stretto, il che lo rende uno dei punti di strategici più importanti del mondo.

Correlati:

Danimarca: arrestati 20 islamisti, organizzavano attentati a Copenhagen
Via dal ghetto: la Danimarca prepara “il più grande esperimento sociale del secolo”
Usa esortano la Danimarca ad acquistare più caccia F-35 e rafforzare pattugliamento dell'Artico
Tags:
Libera navigazione, navigazione, navigazione, Stretto di Hormuz
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook