04:50 23 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Oggi gli elettori del Regno Unito sono chiamati a decidere tra il conservatore Brexit Boris Johnson e il socialista democratico Remain, Jeremy Corbyn.

Per i media britannici si tratta delle elezioni più importanti del nuovo millennio. Nei 650 collegi elettorali aperti da stamattina alle 8.00 sino alle 23, dopo due anni e mezzo la Gran Bretagna sarà chiamata a scegliere tra Boris Johnson, il primo ministro conservatore uscente, e Jeremy Corbyn, il leader Labour. 

Un voto che sarà anche una scelta tra Brexit e Ue.

Johnson è infatti l'uomo che ha tentato di traghettare la GB fuori dall'Europa e Corbyn il leader della parte politica che ha fatto di tutto per impedirglielo. Si aspetta il verdetto storico.

Johnson in vantaggio

Gli exit poll danno il primo ministro Tory in vantaggio di 9 punti sul suo avversario Labour. La campagna elettorale è stata frenetica, che non ha risparmiato colpi. Entrambi i candidati hanno tirato fuori i temi più a cuore dei loro elettori

Fatecela fare, ovvero "Get Brexit Done" e "Respect the Referendum", sono gli slogan della campagna di Boris Johnson che è arrivato a travestirsi da pasticcere e a mettere in forno la "Brexit-pie", "la metafora perfetta per quello che faremo nel periodo che precede il Natale" in caso di rielezione. 

​Dall'altro lato Corbyn cerca di recuperare terreno trattando i temi sociali, molto cari ai "leftist", come la sanità pubblica e l'istruzione.

"Vi fidate del primo ministro per tutelare il nostro servizio sanitario nazionale o qualsiasi altro servizio? Per lui, dire la verità equivale a dire una menzogna, tutto diventa una sorta di vago miraggio che passa da un giorno all'altro", ha detto Corbyn.
Jeremy Corbyn posa per una foto dopo aver votato
© REUTERS / HANNAH MCKAY
Jeremy Corbyn posa per una foto dopo aver votato

Il sistema elettorale britannico

Il vincitore della competizione elettorale "prende tutto". Il sistema elettorale è un uninominale maggioritario secco, in cui vince chi ha conquistato la maggioranza delle preferenze nei 650 seggi del regno. Per ottenere la maggioranza assoluta un partito deve ottenere 325 seggi.

Nel caso in cui non viene raggiunta la maggioranza assoluta, ovvero in uno scenario di hung parliament (cioè parlamento impiccato), la regina può assegnare l'incarico di formare il governo al candidato che ha ottenuto la maggioranza delle preferenze.  

Tags:
Boris Johnson, Jeremy Corbyn, Brexit, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook