19:37 24 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
413
Seguici su

A meno di 24 ore dallo scioglimento della Knesset, e dalla terza tornata di elezioni generali in un anno per il Parlamento israeliano, i politici israeliani gettano le basi per la prossima campagna elettorale. Cosa di nuovo potremo attenderci da questa ennesima chiamata alle urne?

Per il blocco di destra, guidato dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu, questa sarà una battaglia per la sopravvivenza poiché, mantenendo il potere, si presume che sarà in grado di evitare il processo per corruzione che, con ogni probabilità, lo attenderebbe altrimenti. Per la sinistra al contrario, proprio questa potrebbe essere l'opportunità tanto attesa di sbarazzarsi di Netanyahu e del suo governo falco, oltre a portare Israele su un percorso più liberale.

Secondo Daniel Ben Simon, tuttavia, un ex deputato Laburista al Parlamento israeliano, le differenze tra i due schieramenti sarebbero radicate ancor più in profondità.

Divario nelle visioni

La lotta è tra coloro che si considerano ebrei, cioè hanno legami più forti con l'eredità ebraica, e quelli che si considerano israeliani, cioè liberali e universali. Inoltre, le opinioni di entrambe le parti sul conflitto sono diverse. Mentre la sinistra crede nella possibilità di pace, il blocco di destra è più scettico", ha detto l’esperto a Sputnik.

In ogni caso, Israele è diviso, spiega Ben Simon. Secondo un nuovo sondaggio condotto dall’agenzia Walla, i due blocchi spezzerebbero esattamente a metà il Paese, con 60 seggi per uno in una Knesset composta da 120 seggi.

Dall’altra parte però, fa notare l’ex deputato laburista, quindi di sinistra, il partito ‘Blu e Bianco’ del rivale di Netanyahu, Benny Ganz, non avrebbe in realtà nulla a che fare con la sinistra. E secondo il medesimo sondaggio, questo partito dovrebbe ottenere ben 37 seggi.

"Ganz non è diverso da Netanyahu", afferma Ben Simon, riferendosi alla promessa in campagna elettorale di Netanyahu sull'annessione della Valle del Giordano, che ospita 65.000 palestinesi e 11.000 coloni, una mossa che fece arrabbiare i palestinesi ma ricevette il sostegno di Ganz.

Gloria passata

Senza i 37 seggi bianchi-blu, la sinistra, che include il partito Meretz, il partito laburista e il partito della lista generale, rimarrà con soli 23 seggi, che è significativamente inferiore alla gloria passata del blocco di sinistra che arrivò ai ben 56 seggi nel 1969.

Il Partito Laburista, o MAPAI, come veniva chiamato in precedenza, è il partito che di fatto ha creato lo Stato ebraico e lo ha governato per quasi tre decenni fino al 1977, guidando Israele attraverso tutte le sue principali guerre. Avendo radici socialdemocratiche, il partito lavorò per creare una società migliore e più giusta per tutti i cittadini israeliani, ebrei e arabi, pertanto, sintetizza la fonte, ha goduto di un ampio sostegno da vari gruppi e settori.

Caduta dolorosa

Lotte interne e corruzione hanno tuttavia distrutto la reputazione del partito nel tempo, rendendo possibile alzare la testa agli avversari quali il partito Likud, guidato dall'allora Primo Ministro Menachem Begin, divenne una di queste arrivando nel 1977 a vincere le elezioni e guadagnarsi il controllo del Parlamento. Da allora per la sinistra israeliana non ha visto altro che un lento declino, dovuto in parte anche alla mancata emersione dal limbo di una figura chiave e carismatica.

Tuttavia, trovare un leader non è sufficiente per rimanere a galla, ha affermato un altro deputato laburista - Eitan Kabel. Piuttosto, i cittadini di sinistra dovranno dimostrare al pubblico israeliano che sono rilevanti e che il sostegno alla destra per una soluzione a uno stato e l'espansione delle attività di insediamento non risolveranno il conflitto.

“L'alternativa che abbiamo presentato agli elettori è diventata irrilevante nel 21 ° secolo. Non siamo riusciti a convincere gli israeliani che il danno più grande al Paese sarebbe stato la creazione di uno Stato a due nazioni con una maggioranza araba. Questo alla fine porterà al fatto che ci troveremo in uno Stato non democratico, non ebreo o, peggio ancora, non democratico e non ebreo ”, ha scritto Kabel in una recente pubblicazione.

Dal 1967 al 2017, Israele ha istituito oltre 200 insediamenti sulla riva occidentale del Giordano.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook