04:02 07 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
6041
Seguici su

Un altro drone americano è partito ieri pomeriggio dalla base di Sigonella, in Sicilia, per una missione di monitoraggio lungo il confine di Crimea, Donbass e nel Mar Nero. La missione è iniziata nella serata di ieri e si è conclusa quando l'aereo è a controllo remoto è rientrato nella base siciliana alle 23.37. 

​Il drone, un RQ-4B della Northrop Grumman, appartenente alla flotta aerea dell'Usa Air Force, ha effettuato una missione di pattugliamento, monitoraggio e raccolta dati (IRS). Si tratta di missioni di intelligence  finalizzate a registrare le attività militari dei Paesi che il Pentagono considera "rivali". Le aree abitualmente supervisionate dall'esercito USA sono, Crimea, Mar Nero, il confine con il Donbass, la regione di Kaliningrad e le basi in Siria, per quanto riguarda la Russia. 

Le missioni ISR sulla Russia

Dalla base siciliana di Sigonella, immersa nel centro dell'area mediterranea, è possibile il controllo del confine orientale dell'Europa con la Russia, sino all'area mediorientale di Siria, Libano e Iran. 

Le missioni di sorvolo ISR lungo il confine russo, sono iniziate almeno dal 2015, come segnalano i vari siti  trackchecker dei voli, Itamil Radar, Plane Radar, etc. Il primo volo ISR effettuato sulla Crimea, effettuato da un drone partito da Sigonella, è stato registrato nell'aprile 2015. Da allora le missioni sporadiche su Sebastopoli, la zona a est di Odessa e il mar Nero, sono diventate sempre più frequenti. 

Nelle missioni Isr non sono coinvolti soltanto gli aerei drone, ma spesso vengono impiegati P-8A Poseidon della flotta aerea militare USA e altri tipi di velivolo. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook