14:34 24 Gennaio 2020
Mondo
URL abbreviato
4310
Seguici su

Una base americana militare nella zona di pozzi petroliferi Al Omar, nel nord-est della provincia siriana di Deir Ez-Zor, è stata attaccata da un gruppo non identificato, riporta l’agenzia siriana SANA.

L’agenzia riferisce che l’attacco è stato compiuto nel momento dell’arrivo alla base di un autoconvoglio con tecnica militare ed equipaggiamento. Al momento dell’offensiva sono state udite delle esplosioni.

Subito dopo elicotteri americani si sono alzati in volo e militari statunitensi hanno risposto all’attacco con il fuoco di artiglieria.

Lo scorso 4 dicembre i terroristi hanno bombardato il territorio di una società sportiva in provincia siriana di Aleppo. Nel corso di questo attacco sono state uccise dieci persone, tra cui otto bambini, una donna ed un uomo mentre 13 persone sono state ferite, tra cui sette sono bambini e due sono in gravi condizioni.

I militari americani difendono il petrolio siriano

Ad ottobre Donald Trump aveva annunciato il ritiro delle truppe statunitensi dalla zona in cui era in corso l’operazione turca Fonte di Pace. Tuttavia l'inquilino della Casa Bianca ha affermato che Washington ha intenzione di mantenere il controllo sui siti petroliferi al nord-est del Paese allo scopo di "proteggere il petrolio" dai combattenti dell’ISIS. Russia e Turchia hanno criticato tale atteggiamento da parte delle autorità statunitensi.

Il Capo dello stato maggiore congiunto, il generale Mark A. Milley ha precisato che gli Stati Uniti intendono rimanere nella zona della provincia di Deir Ez-Zor, dove sono situati gli impianti di petrolio e gas, tra cui un grande impianto di trattamento del gas Conoco, costruito dall’azienda petrolifera americana ConocoPhillips.

Petrolio e gas in Siria

Gran parte delle riserve siriane di petrolio e gas sono concentrate nel nord-est del paese. Secondo un rapporto del 2011 della US Energy information administration, nel 2010 la produzione siriana di petrolio è stata di 400mila barili al giorno, di cui circa un quarto è stato venduto all’estero. Si stima che all’1 gennaio 2011 le riserve petrolifere del Paese siano pari a circa 2,5 miliardi di barili di petrolio. Le riserve di gas naturale siriano sono state poi stimate a 8,5 trilioni di metri cubi, con il paese che consuma la maggior parte della sua produzione di gas a livello nazionale per alimentare le centrali elettriche, ed è diventato un importatore di gas nel 2008.

Guerra in Siria

Il conflitto armato in Siria è in corso dal 2011. Alla fine del 2017, è stata annunciata la vittoria sul gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria e Iraq. In alcune zone del paese però continua la lotta contro i militanti. Al momento è in corso il ripristino dell'assetto politico della Siria e il ritorno dei rifugiati.

Tags:
USA, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik