23:31 05 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1411
Seguici su

Margarita Simonyan, la direttrice di Sputnik ed RT, ha commentato la situazione relativa all'arresto del produttore dell'agenzia video Ruptly al vertice della Nato di Londra.

"Il produttore della nostra agenzia video Ruptly, accreditato al vertice londinese della Nato, è stato arrestato dalla polizia proprio al summit. Lo hanno perquisito, lo hanno interrogato, hanno controllato tutti i documenti giornalistici, dopodiché hanno affermato che il suo accreditamento è stato cancellato. Sulla base della legge, attenzione, sul terrorismo", ha scritto la Simonyan nella sua pagina su Telegram.

Secondo la direttrice di Sputnik e RT, la Nato non ha ancora risposto alla richiesta di chiarimenti avanzata da Russia Today.

"Non so come vanno le cose tra i membri della Nato, ma non assumiamo terroristi. Da noi funziona così", ha concluso.

In precedenza sul sito web di RT, è apparsa la notizia sul fermo di polizia nei confronti del produttore di Ruptly, accreditato al vertice della Nato, e sulle successive perquisizioni e interrogatorio.

Questa episodio non risulta essere un fatto isolato. Lo scorso luglio le autorità britanniche non aveva permesso a Rt di partecipare ad una conferenza sulla libertà dei media, motivando il rifiuto con il fatto che "Rt e Sputnik diffondono disinformazione".

La polizia londinese si è rifiutata di commentare la vicenda relativa alla perquisizione, interrogatorio e revoca dell'accreditamento al summit della Nato del produttore dell'agenzia video Ruptly.

Tags:
Russofobia, mass media, Censura, Giornalismo, Vertice NATO, Londra, Regno Unito, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook