06:06 19 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
5241
Seguici su

Un recente studio scientifico rivelerebbe che tanto tempo prima che l’uomo iniziasse ad inquinare emettendo CO2 nell’atmosfera, e tanto tempo prima di Greta, un improvviso cambiamento climatico sarebbe stato la causa della caduta di una delle più grandi civiltà sul nostro pianeta.

Nell’antica Mesopotamia, la leggendaria terra tra i fiumi Tigri ed Eufrate, sorgeva il grande e prospero impero degli Assiri. Questa superpotenza fu il più grande impero del suo tempo e vide il suo apice tra il 912 a.C. e il 612 a.C. sorgendo su di un territorio originario che oggi corrisponde alle attuali Siria e Iraq, ma che arrivò ad estendersi fino al Mediterraneo, l’Egitto, l’Iran e il Golfo Persico.

Ad un certo punto però, quello che gli storici chiamano l’Impero Neo-Assiro, meglio conosciuto come Secondo Impero Assiro, collassò improvvisamente nel giro di pochi decenni. Perché?

Numerose teorie hanno tentato di spiegare il crollo di un regno che, solo pochi anni prima, guidato dal grande Assurbanipal, costruiva a Ninive una meravigliosa biblioteca con circa 22.000 tavolette cuneiformi, sviluppava arti e scienze, nonché conquistava Tebe e Menfi sottomettendo l'Egitto.

La maggior parte dei ricercatori ha sempre attribuito il disastro alla fine proprio del regno di Assurbanipal, al quale seguì un periodo di lotte fratricide per la successione, ai disordini politici, e alle sconfitte militari subite contro gli ‘indipendentisti’ babilonesi, i Medi e i Persiani, avvenute nel 612 a.C.

Ma come esattamente dei disordini interni e dei piccoli eserciti possano essere stati in grado di mandare in frantumi quello che all’epoca era la forza militare più potente al mondo, ha sempre confuso storici e archeologi.

Ora, una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Science Advances ed intitolata “Il ruolo del clima nell’ascesa e nella caduta dell’Impero Neo-Assiro” (Role of climate in the rise and fall of the Neo-Assyrian Empire) tenta di far luce su questi misteri e propone una visione completamente nuova dei fatti. La tesi, come facilmente intuibile dal titolo della ricerca, è che siano stati i cambiamenti climatici la ‘spada a doppio taglio’ degli Assiri, come metaforicamente definito dagli stessi studiosi. Sarebbero stati quindi i cambiamenti climatici prima a favorire l’ascesa, poi a determinare la caduta degli Assiri.

E poi finì tutto in pochi anni

Ashurbanipal, l'ultimo grande re dell'Assiria, governava il grande impero dall'antica città di Ninive, le cui rovine si trovano sul fiume Tigri nei pressi di quella stessa Mosul, in Iraq, oggi famosa per episodi altrettando storici ma ben meno gloriosi. Ninive era una metropoli tentacolare di dimensioni e imponenza senza precedenti per quei tempi, piena di templi e palazzi, con giardini esotici irrigati da un vasto sistema di canali e acquedotti. Nella Bibbia ci sono parecchi riferimenti a questa città che ne tramandarono la leggenda durante tutto il Medioevo, uno di questi è la ‘profezia di Sofonia’ (Sofonia 2:13):

“...Ed egli stenderà la mano verso il Nord, e distruggerà l'Assiria. E farà di Ninive una distesa desolata, una regione arida come il deserto”.

Si trattava di una previsione o di una testimonianza storica di quello che in realtà era già successo? Comunque un indizio, rileggendolo alla luce della nuova ricerca che vuole dimostrare proprio come sia stato un periodo di terribile e prolungata siccità a rovinare gli assiri dopo un periodo, invece, di grande sviluppo dovuto proprio al contributo della natura.

Studiando le stalagmiti

E’ studiando le stalagmiti che gli scienziati sono riusciti a svelare il mistero. Man mano che le stalagmiti crescono infatti, bloccano nella loro struttura i rapporti isotopici dell'ossigeno dell'acqua piovana percolante che filtra nella grotta. Perforando e carotando le stalagmiti si possono studiare i loro anelli di crescita, esattamente come si fa con gli alberi. Gli anelli di crescita indicano quindi i vari periodi climatici. Questo però risultava insufficiente per gli scienziati perché bisognava abbinare le fasi di umidità e siccità climatica ai periodi storici esatti in cui queste si verificarono.

Fortunatamente le stalagmiti intrappolano anche l’uranio filtrando l’acqua, e questo sappiamo, decadendo progressivamente nel tempo ad un ritmo facilmente calcolabile, permette precise datazioni.

Raccolti tutti i dati e tirate le somme, è appunto risultato che il periodo di maggior splendore e ascesa degli Assiri sia corrisposto proprio ad un periodo umido particolarmente anomalo rispetto ai 4mila anni precedenti. Un periodo che durò ben due secoli e che fu straordinariamente favorevole per agricoltura, allevamento e irrigazione. A tutto questo, seguì un periodo invece di grave siccità con condizioni simili a quelle rilevabili nella attuali Siria e Iraq e che perdurarono per interi decenni. Appunto il periodo in cui tutto crollò.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook