16:21 08 Dicembre 2019
Jeremy Corbyn

Corbyn si scusa per l’antisemitismo nel partito Laburista

© AP Photo / Alastair Grant
Mondo
URL abbreviato
123
Seguici su

Jeremy Corbyn si è scusato con la comunità ebraica per incidenti di antisemitismo che hanno coinvolto membri del partito laburista e ha affermato di aver affrontato la questione.

Il leader laburista ha dichiarato: "Ovviamente mi dispiace molto per quello che è successo", dopo essere stato invitato a chiedere scusa direttamente dal presentatore Philip Schofield, in un'intervista su ITV's Morning.

Corbyn in precedenza si è già scusato per gli incidenti di antisemitismo all’interno del partito Laburista, tuttavia durante la campagna elettorale per le elezioni generali è stato fortemente criticato per non aver detto scusa di nuovo quando gli è stata data l’opportunità.

Le scuse, giunte dopo quattro richieste dirette del presentatore Schofield durante l’intervista, sono state seguite dall’affermazione di Corbyn secondo la quale anche “altri partiti sono influenzati dall’antisemitismo” e che sono stati ritirati diversi “candidati da parte dei Liberaldemocratici, dai Conservatori e da noi (Laburisti) perché non lo accettiamo in nessuna forma”.

Jeremy Corbyn
© AP Photo / Kirsty Wigglesworth
Jeremy Corbyn

Sull'intervento del rabbino capo del Regno Unito, Ephraim Mirvis, nella campagna elettorale, che ha affermato che Corbyn non era idoneo a diventare primo ministro, il leader laburista ha dichiarato di non essere stato contattato direttamente al riguardo, ma che sarebbe felice di parlargli.

Ha detto: "Penso che i commenti del rabbino capo debbano davvero essere presi per quello che sono. Non mi ha contattato. Sarei molto felice di incontrarlo. Molto felice di parlare con lui".

Correlati:

Laburista Corbyn accusa premier Johnson di svendere agli Usa sistema sanitario britannico
Brexit, Corbyn: Elezioni unica opzione rimasta
Corbyn: Theresa May ha perso il controllo sulla Brexit e dovrà dimettersi
Tags:
ebrei, Jeremy Corbyn
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik