02:45 16 Dicembre 2019

Le dichiarazioni dei leader dei paesi più influenti della NATO gettano ombra sull'Alleanza

© AFP 2019 / Mandel Ngan
Mondo
URL abbreviato
0 91
Seguici su

Il vertice dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico in occasione del 70° anniversario dell'alleanza militare si svolge questa settimana a Londra, con l'ordine del giorno che prevede spese militari, sicurezza informatica e minacce esterne.

Il mese scorso la dichiarazione controversa del presidente Macron all'Economist, in cui ha definito l'organizzazione del Trattato del Nord Atlantico "cerebralmente morta", ha provocato un putiferio in tutta l’Alleanza con molti dei suoi membri che hanno criticato la dichiarazione del leader francese. Tuttavia, altri erano meno ansiosi di condannare la particolare formulazione di Macron che sembra aver risuonato almeno in parte come una opinione condivisibile.

La NATO è “cerebralmente morta”?

Macron ha giustificato le sue parole affermando che al momento non vi è alcuna cooperazione in materia di sicurezza tra Europa e Stati Uniti.

Nonostante una serie di critiche, Macron è rimasto fedele alle sue parole, dicendo in seguito che il suo commento era un "campanello d'allarme" per l'Alleanza.

Anche il ministro della Difesa francese Florence Parly sembrava essere d'accordo e ha sostenuto che le parole di Macron non indicavano la morte del blocco, ma piuttosto parlavano della crisi che la NATO sta attraversando.

La posizione di Macron sembra aver visto comprensione da parte del primo ministro danese Mette Frederiksen, che, pur non essendo necessariamente d'accordo con il presidente francese, ha affermato di ritenerla ragionevole.

"Non voglio approfondire sulla scelta delle parole. Ma l'analisi di base che la NATO è in difficoltà, a mio avviso, ha dei meriti", ha detto come citato dal quotidiano Jyllands-Posten.

A parte i commenti di Macron, sembrano esserci altri membri dell'élite politica in Europa che non sono così elettrizzati dall'esistenza stessa del blocco. Come si può vedere in un filmato del 2014 recentemente pubblicato, Jeremy Corbyn, attuale leader del Partito Laburista britannico ha affermato di non essere un sostenitore della NATO e, di fatto, ha affermato di desiderare che le alleanze militari occidentali non esistano affatto.

La Merkel ha fortemente criticato la dichiarazione di Macron

Angela Merkel si è messa in prima linea tra coloro che hanno duramente criticato Macron per i suoi commenti sulla NATO.

Ma non tutti a Berlino sono contenti al 100% dell'attuale situazione.

Il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer, ampiamente elogiata come possibile successore della Merkel, ha sostenuto una richiesta di "un'unione difensiva europea più sicura di sé" durante un discorso programmatico ai giovani ufficiali delle forze armate tedesche a Monaco.

Correlati:

La Nato festeggia i 70 anni, ma rischia il collasso
Germania sostiene dialogo con la Russia in accordo con politiche Nato
Erdogan: nessun rafforzamento NATO in Polonia senza supporto contro i curdi
Tags:
Emmanuel Macron, Merkel, tecnologia, Guerra, NATO, Difesa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik