10:46 09 Dicembre 2019
Agente di polizia ha fermato migranti in Svezia.

Clandestini in Svezia: quasi 900.000 senza registrazione

© REUTERS / Johan Nilsson
Mondo
URL abbreviato
337
Seguici su

I rappresentanti di vari organi di governo svedesi hanno ammesso che la società parallela della Svezia sta crescendo e che la situazione sta andando fuori controllo.

Più di 870.000 persone non registrate in Svezia hanno ricevuto un numero d'identificazione per vivere e lavorare nel paese scandinavo. Ora, la polizia di frontiera e l'Agenzia delle Entrate svedese hanno lanciato l'allarme per il fatto che circa il 45% di loro non ha confermato la propria identità.

Il numero d'identificazione consente alle persone di vivere e lavorare in Svezia senza essere registrati. Allo stato attuale, non ci sono requisiti legali né da parte dell'Agenzia delle Entrate Svedese, né dell'Agenzia delle Migrazioni o della polizia di dimostrare la propria identità per poter ricevere un numero. La polizia ha ammesso che la situazione sta andando fuori controllo.

“Abbiamo una società parallela che sta solo crescendo. Abbiamo completamente perso il controllo di chi si trova qui. Queste sono persone che non hanno diritti, ma può anche riguardare persone le cui intenzioni nell’essere qui sono completamente sconosciute", ha detto a Dagens Nyheter Marit Murphy Handelsberg, investigatore della polizia di frontiera civile.

Dopo aver esaminato 4.000 numeri di coordinamento, l'Agenzia delle Entrate svedese ha scoperto che il 45% non ha un'identità verificata. Il 75% di coloro che provengono da paesi extra UE non è in possesso dei permessi di lavoro e di residenza. Mentre nel 10% dei casi si sospetta che alcune persone possano essere sfruttate come manodopera illegale

A novembre, il quotidiano Svenska Dagbladet ha gridato allo scandalo quando è venuto fuori che cittadini stranieri abusavano dei numeri d'identificazione temporanei, emessi dall'Agenzia delle Entrate svedese, per commettere reati od ottenere illegalmente l'accesso al welfare svedese. La polizia si riferisce a queste persone come "fantasmi" e il loro numero è in aumento.

"Non abbiamo speranze", ha dichiarato Robert Lindström della polizia di frontiera, commentando la criminalità diffusa e la sua estensione.

Da quando il sistema è stato introdotto circa 20 anni fa, sono state emesse centinaia di migliaia di numeri d'identità, di cui circa 150.000 sono stati convertiti in numeri di previdenza sociale permanenti, di cui dispongono tutti i residenti svedesi. Secondo la polizia e l'agenzia fiscale svedese, il problema è così ampio che ha creato una società ombra in cui i cittadini stranieri possono lavorare, pagare le tasse e avere accesso a tutti i benefici della società, anche se illegalmente.

Il problema è aggravato dalla diffusa frode di dati personali. Secondo un rapporto del 2017 di TV4, oltre il 50% di coloro che chiedono asilo in Svezia registra dati personali diversi con autorità diverse, che in alcuni casi vengono successivamente utilizzati per attività criminali.

Secondo l'agenzia fiscale svedese, negli ultimi anni sono stati distribuiti annualmente tra i 45.000 e i 55.000 numeri d'identità.

Come ha sottolineato il quotidiano Göteborgs-Posten, ciò rende quasi impossibile calcolare l'esatta popolazione della Svezia. La cifra ufficiale di 10,3 milioni si basa sui registri della popolazione. Quei 873.000 a cui è stato assegnato un numero di coordinamento temporaneo non sono inclusi nelle statistiche e, peggio ancora, non ci sono dati precisi su quanti di loro siano persone reali, figuriamoci ancora che vivono in Svezia.

Correlati:

Santa Greta! La Thunberg in Svezia si studia durante l'ora di religione
I russi hanno paura di venire in Svezia - ministro degli Esteri svedese
Cristiani iracheni avvertono Svezia del rischio di un “governo islamista”
Tags:
Immigrazione clandestina, Immigrazione clandestina, immigrazione, Immigrazione, Immigrati, Svezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik