23:46 07 Dicembre 2019
Le proteste a Hong Kong

Hong Kong, l'appello a Trump dei manifestanti di nuovo in piazza con le bandiere USA

© AP Photo / Vincent Thian
Mondo
URL abbreviato
5115
Seguici su

I manifestanti, di nuovo in piazza dopo due settimane di pausa elettorale, chiedono l'aiuto degli USA. Per strada bandiere stelle e strisce, slogan e striscioni pro Trump.

Dopo due settimane di silenzio post elettorale, scendono di nuovo in piazza i manifestanti anticinesi di Hong Kong. Una manifestazione pacifica, preceduta da alcuni scontri con la polizia, durante la quale le strade sono state inondate da bandiere statunitensi. 

Molti striscioni, cartelli, slogan inneggiati al presidente Usa Donald Trump, appelli e richieste di aiuto.  Un cartello recita "Trump per favore libera Hong Kong", un altro "Make Hong Kong Great Again". Durante la protesta alcune centinaia di manifestanti si sarebbero diretti al consolato USA, ma non è chiaro se siano stati ricevuti o meno. 

​Il sostegno di Washington

Si rende sempre più esplicito il legame tra i manifestanti e gli Usa, suffragato da una legge "pro-manifestanti" firmata dal presidente Trump la scorsa settimana. Con il decreto "per la democrazia e i diritti umani a Hong Kong", approvato dal Congresso il 22 novembre, si dà potere alla Casa Bianca di introdurre sanzioni nei confronti della Cina e nei confronti di funzionari che si rendano protagonisti di violazioni dei diritti umani ad Hong Kong. Inoltre si impedisce l'esportazione a Hong Kong di equipaggiamento antisommossa per il contenimento dei disordini.

La Cina minaccia ritorsioni

Ancor prima della firma sulla legge pro manifestanti da parte di Trump,  Pechino con una nota del ministro degli Esteri, ha minacciato ritorsioni in caso di effettiva entrata in vigore del decreto.

"Ci auspichiamo che gli Stati Uniti non vadano fino in fondo, in caso contrario la Cina sarà costretta ad adottare delle forti contromisure e l'America dovrà assumersi tutte le responsabilità per le loro conseguenze", si legge nel documento ministeriale cinese.

La Cina ha manifestamente criticato le leggi varate dal governo americano, etichettandole come un "comportamento palesemente egemonico" da parte di Washington, che si starebbe intromettendo in maniera indebita negli affari interni di un paese sovrano.

Le proteste di Hong Kong

La violenta ondata di proteste è in corso ad Hong Kong dallo scorso giugno. La rivolta, che inizialmente avevano preso le mosse in relazione ad una possibile legge sull'estradizione in Cina, nonostante il governo di Carri Lam abbia ritirato la misura contestata. 

Fino ad oggi, il bilancio ufficiale parla di circa 4500 persone che sono finite in manette e quasi 2000 feriti tra manifestanti e rappresentanti delle forze dell'ordine. Lo scorso 11 novembre i manifestanti hanno dato fuoco a un uomo accusato di essere un sostenitore di Pechino. 

Tags:
Donald Trump, Proteste, USA, Cina, Hong Kong
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik