03:21 08 Dicembre 2019

Studio: caffè abbassa la pressione e previene la comparsa del diabete

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
0 41
Seguici su

Bere fino a quattro tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e la pressione alta, affermano nuove ricerche.

Gli scienziati affermano di aver trovato un legame tra caffè e sindrome metabolica. Secondo loro bere da una a quattro tazze al giorno può comunque avere benefici per la salute. Lo riporta Daily Mail.

Bere 3-4 tazze al giorno associate a un rischio inferiore di circa il 25%. Il caffè può ridurre le possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2, ipertensione e persino malattie cardiache, secondo un nuovo studio.

Bere fino a quattro tazze di caffè al giorno può ridurre significativamente la probabilità di ammalarsi d'ipertensione e diabete, secondo una nuova ricerca. Lo scienziato ha scoperto anche che bere il caffè decaffeinato può comunque avere benefici per la salute.

I ricercatori delle università della Navarra in Spagna e di Catania in Italia hanno scoperto un legame tra consumo di caffè e sindrome metabolica. La sindrome metabolica, o MetS, è una combinazione di diabete, ipertensione e obesità, che aumenta il rischio di problemi cardiovascolari, infarti e ictus. Può interessare uno su quattro adulti nel Regno Unito.

Gli studi hanno suggerito che bere 3-4 tazze di caffè al giorno è associato a un rischio inferiore di circa il 25% di sviluppare il diabete di tipo 2, rispetto al consumo di nessuna o meno di due tazze in 24 ore.

Migliaia di casi di nuova diagnosi provenienti da otto paesi diversi sono stati esaminati e hanno mostrato un legame statisticamente significativo tra l’assunzione di caffè e la riduzione dell’apparizione del diabete di tipo 2. Fino a 6-8 tazze al giorno, riducono del 5-10% lo sviluppo di tale condizione, affermano gli scienziati. 

In particolare il professore assistente Giuseppe Grosso dell'Università di Catania ha rivisto diversi articoli scientifici sul consumo di caffè e la sindrome metabolica da studi polacchi e italiani. La sua ricerca suggerisce che i polifenoli ricchi di antiossidanti contenuti nel caffè potrebbero essere coinvolti nella prevenzione della sindrome metabolica, "in particolare acidi fenolici e flavonoidi".

Ha anche esaminato ricerche precedenti che suggerivano che un consumo moderato di caffè aiuta a ridurre le malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete di tipo 2. Inoltre a quanto pare l'assunzione di caffè da tre a cinque tazze al giorno riduce del 15% l’apparizione di malattie cardiovascolari.

Correlati:

Nuovi studi sul legame tra caffè, genetica e cancro
Bere caffè fa davvero dimagrire?
Il più grande mito sul caffè screditato dagli studiosi
Tags:
Regno Unito, diabete, caffè
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik