03:18 08 Dicembre 2019
L'intervento del presidente venezuelano Nicolas Maduro a Caracas.

Maduro mobilita l'esercito: "USA e Colombia vogliono provocarci"

© Sputnik . Stringer
Mondo
URL abbreviato
1213
Seguici su

Il presidente venezuelano si è detto certo che gli USA e la Colombia starebbero tramando per scatenare un conflitto al fine di destabilizzare la situazione politica a Caracas.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato di essere entrato in possesso di informazioni circa delle provocazioni che Stati Uniti e Colombia starebbero progettando al confine occidentale con la repubblica bolivariana e che per tale motivo verrà immediatamente iniziata la mobilitazione dell'esercito venezuelano.

"Ho ricevuto informazioni circa il fatto che la Colombia, in accordo con il comando meridionale degli USA stanno pianificando di lanciare nuove provocazioni al confine tra Venezuela e Colombia. Tutti gli effettivi dell'esercito venezuelano devono essere pronti al combattimento", ha dichiarato il leader di Caracas.

Maduro ha poi aggiunto che le provocazioni sarebbero mirate a provocare un conflitto armato che coinvolga la Colombia al confine per distogliere l'attenzione dalle proteste scoppiate di recente in quest'ultimo paese.

Lo scorso mese di settembre Maduro ha annunciato delle esercitazioni militari su larga scala proprio al confine colombiano.

La situazione in Venezuela

Nello scorso mese di gennaio, il paese è stato colpito da un tentativo di golpe, che è terminato con l'autoproclamazione da parte del leader d'opposizione, Juan Guaido, a presidente ad interim.

Guaido è stato sostenuto come leader del Venezuela dagli Stati Uniti e dai suoi alleati, ma non è stato riconosciuto come tale da molti stati, tra cui Russia, Cina, Cuba e Turchia, tra gli altri.

Il presidente Maduro ha ripetutamente sottolineato che Guaido è un "burattino nelle mani degli americani" per deporre il presidente legittimamente eletto e impadronirsi delle risorse naturali del Venezuela. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik