23:48 07 Dicembre 2019
Antartide

Ricercatori francesi bloccati in Antartide – parte una missione di soccorso dall’Australia

© Sputnik . V.Chistyakov
Mondo
URL abbreviato
0 73
Seguici su

La rompighiaccio francese va in avaria e non può prelevare i ricercatori rimasti nella stazione scientifica in Antartide. Si preparano i soccorsi dall’Australia.

Sembra la trama di inizio di un film d'avventura, la vicenda dei ricercatori francesi rimasti bloccati da oramai due settimane in Antartide. La rompighiaccio Astrolabio avrebbe dovuto consegnare rifornimenti e portare il nuovo gruppo di ricercatori per dare il cambio a quelli rimasti per tutto il periodo del lungo inverno australe nella stazione di ricerca di Dumont d'Urville, sull’isola proprio di fronte al continente, ma qualcosa è andato storto. Il 15 novembre il Polar Institute francese ha annuciato che l'elica della nave era stata danneggiata.

"Nel ghiaccio non devi correre rischi con la sicurezza dei passeggeri e dell'equipaggio", ha dichiarato la capitana Celine Tuccelli alla ABC News Australia questa settimana. Un totale di 42 ricercatori sono rimasti così bloccati, in una situazione che il leader della missione francese a Dumont d'Urville, Alain Quivoron, ha dichiarato allo stesso media australiano "frustrante".

"La maggior parte dei membri più giovani della missione sarebbe stata anche disposta a rimanere più a lungo, ma i più anziani trovano la situazione quantomeno incresciosa e preferirebbero decisamente tornare alle loro famiglie", ha detto Quivoron.

Soccorsi in arrivo dall'Australia

La scorsa settimana, il Governo australiano si è impegnato a inviare una sua rompighiaccio a Dumont d'Urville per prelevare i ricercatori e portare rifornimenti che serviranno anche per la base di ricerca italo-francese ‘Concordia’ che si trova all’interno del plateau antartico.

​"C'è un grande spirito di cooperazione e supporto tra le nazioni che lavorano in Antartide e siamo molto felici di poter aiutare i nostri colleghi francesi quando necessario", ha dichiarato il direttore della divisione antartica australiana Kim Ellis in una nota.

Se da una parte i ricercatori rimasti bloccati sono impazienti di tornare, dall’altra quelli che devono sostituirli per iniziare la nuova missione sono impazienti di partire per il loro turno di avventura antartica. Il meteorologo francese François Gourand ha celebrato la notizia su Twitter e sul suo blog ed ha espresso il suo sollievo per il fatto che la sua missione potrà ora avere inizio.

Il direttore dell'Istituto polare francese Jerome Chappellaz ha elogiato la decisione, rilevando che senza l'intervento dei soccorritori australiani, "mantenere in funzione le nostre stazioni di ricerca e continuare le ricerche scientifiche sarebbe stato estremamente difficile".

L’Aurora Australis però, la rompighiaccio incaricata della missione, arriverà a Hobart, in Tasmania, non prima della fine del mese e solo successivamente potrà spingersi a sud per riportare a casa i ricercatori. L’avventura / disavventura dei ricercatori francesi non è quindi ancora finita.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik