23:23 07 Dicembre 2019

3 americani su 4 sostengono interventi militari all'estero per "libertà e democrazia"

© AFP 2019 / David Gannon
Mondo
URL abbreviato
13326
Seguici su

Il presidente dell'organizzazione non governativa che ha condotto il sondaggio ha interpretato i risultati come il segnale della mancanza di volontà degli americani ad "evitare la leadership globale".

La stragrande maggioranza degli americani sostiene le operazioni militari degli Stati Uniti in altri Paesi, ha scoperto la Fondazione presidenziale e l'Istituto Ronald Reagan (Ronald Reagan Presidential Foundation & Institute).

Il sondaggio è stato condotto il mese scorso; nella rilevazione sono state poste le domande a mille cittadini statunitensi. Dalle risposte emerge che tre intervistati su quattro sono a favore dell'uso della forza militare statunitense per prevenire "violazioni dei diritti umani" e "difendere la libertà" all'estero, indipendentemente dal fatto che vi sia o meno una minaccia diretta per il proprio Paese. 

Allo stesso modo il 65% degli americani afferma che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a mantenere le basi militari in tutto il mondo, mentre solo il 28% è favorevole alla riduzione della presenza militare all'estero.

Il 76% degli intervistati è a favore di un aumento delle spese militari, ben il 46% è molto convinto di questa posizione. Solo l'istruzione e l'assistenza sanitaria godono di un maggiore sostegno come beneficiari dei maggiori finanziamenti pubblici.

Donald Trump e Emmanuel Macron
© AP Photo / Thibault Camus

Per inciso, il livello di fiducia nelle forze armate statunitensi è molto alto: l'86% degli americani condivide questo atteggiamento, non paragonabile con il livello di fiducia al 58% per le scuole pubbliche, al 45% per il presidente, al 41% per i media e al 33% per il Congresso.

La Cina è vista come il Paese che rappresenta la più grande minaccia (28%), seguita dalla Russia (25%) e dalla Corea del Nord (14%).

Se la percentuale di persone che vedono la Russia come un nemico è rimasta praticamente invariata (71% contro 73% nel 2018), la percentuale di coloro che identificano la Russia come alleata è aumentata al 28% dal 19% nel 2018.

"L'indagine sulla difesa nazionale di Reagan mostra chiaramente che gli americani rimangono fermi nel loro sostegno a un forte esercito che mantiene la pace e promuove i valori della libertà e della democrazia all'estero", ha dichiarato Roger Zakheim, direttore dell'Istituto Reagan, durante una conferenza stampa.

"Non sono le opinioni di un Paese che vuole rinunciare alla leadership globale, ma piuttosto una nazione in cui la visione del presidente Reagan della pace attraverso la forza è viva e vegeta".
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Sondaggio, USA, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik