04:31 16 Dicembre 2019

La Turchia testa gli S-400 russi mettendoli alla ricerca di F-16 - Video

© Sputnik . Aleksei Malgavko
Mondo
URL abbreviato
3291
Seguici su

La Turchia ha testato gli S-400 recentemente acquistati dalla Russia facendogli scansionare il cielo alla ricerca di jet F-16 turchi durante un'esercitazione militare.

Quest'anno la Turchia ha acquistato dei sistemi di difesa aerea russi con un accordo firmato nel 2017. I sistemi dovrebbero diventare operativi entro aprile 2020; e Ankara non ha escluso la possibilità di acquistare un ulteriore lotto di S-400 in futuro.

La Turchia ha condotto una serie di test sugli S-400 di fabbricazione russa nella provincia di Ankara lunedì e martedì, secondo l'agenzia di stampa İhlas.

L'esercitazione ha coinvolto caccia F-16 statunitensi in volo a bassa quota, mentre i sistemi di difesa di fabbricazione russa scansionano lo spazio aereo.

I test sono stati condotti in un momento in cui gli Stati Uniti stanno facendo pressioni sulla Turchia ad abbandonare gli S-400, proponendo di "distruggerli, restituirli o di sbarazzandosi di loro in qualche modo".

La controversia USA-Turchia

Washington è in contrasto con Ankara per la decisione di quest’ultima di acquistare i sistemi difensivi antiaerei russi, cosa che ha spinto gli Stati Uniti a sospendere la partecipazione della Turchia al programma internazionale F-35. Gli Stati Uniti hanno minacciato di rimuovere completamente la Turchia dal programma e di sanzionare il paese a meno che Ankara non rinunci agli S-400 che Washington ritiene essere incompatibili con le difese della NATO.

La Turchia ha rifiutato di abbandonare il sistema sostenendo che è indispensabile per le sue difese e che non compromette in alcun modo la sicurezza della NATO.

Correlati:

S-400, se la Turchia non se ne libererà al più presto gli USA promettono nuove sanzioni
Russia invierà S-400 in India nel 2025
Turchia inizia a testare gli S-400 acquistati dalla Russia
Tags:
Turchia, Sistema antiaereo S-400
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik