23:17 07 Dicembre 2019
Focena (foto d'archivio)

Trovati morti 18 mammiferi marini in via di estinzione, bufera su Marina militare tedesca

CC BY-SA 4.0 / Marcus Wernicke (Tuugaalik) / Harbour porpoise (Phocoena phocoena)
Mondo
URL abbreviato
1315
Seguici su

Dopo le trivellazioni e operazioni di sminamento dei fondali baltici nell'ambito di esercitazioni della Nato, sono state trovate le carcasse di 18 focene: il ministero della Difesa tedesco ha insistito sulla mancanza di "collegamento diretto" tra i lavori e la morte dei mammiferi marini.

Un'organizzazione animalista tedesca ha puntato il dito contro le forze navali del proprio Paese per la morte di almeno 18 mammiferi marini in pericolo di estinzione dopo la detonazione di mine risalenti al periodo della Seconda Guerra Mondiale durante alcune esercitazioni militari della Nato nel Mar Baltico.

L'organizzazione non governativa Nature and Biodiversity Conservation Union (NABU) ha diffuso la scorsa settimana un comunicato, secondo cui la Marina militare tedesca (Bundesmarine) ha fatto esplodere 42 mine durante le esercitazioni della Nato dello scorso agosto.

La NABU ha sostenuto che 39 di queste mine sono state fatte esplodere all'interno di una riserva naturale nella cintura di Fehmarn, uno stretto tra la Danimarca e la Germania, dove successivamente sono state ritrovate le carcasse di 18 focene.

​Secondo la NABU, la mancanza di consultazioni dei militari tedeschi con le autorità a difesa dell'ambiente prima delle esercitazioni equivale ad una violazione della legge sulla salvaguardia degli animali.

"Ogni mina ha aperto un cratere largo cinque metri e profondo 1,5 metri in un'area severamente protetta. Tutti gli organismi nel raggio di 10-30 metri sono stati uccisi", ha affermato il presidente della NABU Leif Muller citata da Deutsche Welle.

Ha aggiunto che questo "inaccettabile" incidente "rivela l'ignoranza della marina nei confronti delle leggi sulla protezione della natura, nonché il completo fallimento dei politici nell'affrontare il problema dei vecchi ordigni di guerra".

Il dicastero militare tedesco respinge le accuse degli animalisti

Il portavoce del ministero della Difesa tedesco Frank Faehnrich ha detto ai giornalisti che "finora non è stato stabilito alcun collegamento diretto" tra lo sminamento e la morte delle focene.

Ha aggiunto che se verrà dimostrato il legame, "ovviamente proveremo dispiacere."

Il governo tedesco ha sottolineato l'importanza di neutralizzare i vecchi ordigni della Seconda Guerra Mondiale, che rappresentano una minaccia per la navigazione nella cintura di Fehmarn, dove ogni anno transitano almeno 40mila navi.

Tags:
Mar Baltico, Ambiente, Animali, NATO, Danimarca, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik