12:02 09 Dicembre 2019
Busto di Nefertiti

La donna più bella del mondo finalmente in 3D

CC BY-SA 4.0 / sketchfab Museo Egizio di Berlino
Mondo
URL abbreviato
2150
Seguici su

Il Museo Egizio di Berlino dà finalmente accesso alla scansione completa del gioiello più prezioso della sua collezione – il busto di Nefertiti. Ma bisogna ringraziare l’insistenza di un artista tedesco che è riuscito a rendere liberi i diritti di utilizzo delle immagini.

Nefertiti, vissuta tra il 1370 e il 1330 a.C. circa, fu la ‘Grande sposa reale’ del faraone Akhenaton e affiancò il marito nella rivoluzione religiosa che cercò di imporre il Dio Sole, Aton, al di sopra delle altre divinità. Una sorta di passaggio da politeismo ad una forma intermedia prossima al monoteismo (enoteismo) in cui venivano riconosciute varie divinità ma se ne voleva una posta al di sopra di tutte le altre.

Durante il regno di Akhenaton ebbe inizio il periodo di maggiore splendore e prosperità della Storia egizia e Nefertiti, come mai in precedenza per una consorte, si vide riconosciuti onori che la posero prossima al rango del marito.

Per la sua straordinaria bellezza venne rappresentata in innumerevoli dipinti e sculture che ne aumentarono il mito e lo tramandarono fino a noi. Proprio una di queste sculture, il famoso ‘Busto di Nefertiti’ creato del capo scultore di corte Thutmose, è la perla della collezione del Museo Egizio di Berlino.

Quando il museo tedesco passò allo scanner la preziosa scultura i file digitali vennero custoditi con la stessa gelosia del manufatto originale di tremila anni. Per fortuna però ci ha pensato l’artista Cosmo Wenman a dare una possibilità di ammirare l’opera a tutti coloro che non possono recarsi a Berlino. E’ stato lui infatti, dopo una campagna durata ben 3 anni, a riuscire a pubblicare su Thingiverse, un sito per la visualizzazione e la stampa di oggetti 3D, l’intera scannerizzazione.

​Wenman infatti, facendo affidamento sulla legge tedesca sulla libertà di informazione che consente a chiunque di ottenere copie di documenti ufficiali (compresi file digitali) creati da agenzie federali, è riuscito ad ottenere l’accesso ai file di Nefertiti e ripubblicarli. La Prussian Cultural Heritage Foundation - l'organizzazione che sovrintende ai musei statali di Berlino - inizialmente si era fortemente opposta all’iniziativa di Wenman affermando che il rilascio della scansione avrebbe interferito con le vendite del museo. Alla fine però, viste le motivazioni giuridiche, l'agenzia si è trovata costretta ad accogliere le richieste del caparbio artista e gli ha inviato i file.  

Se ora ci possiamo godere liberamente la scannerizzazione della mitica Nefertiti ed utilizzarne le immagini sotto licenza Creative Commons, è quindi grazie al Signor Wenman e alla sua perseveranza che restituisce al mondo un patrimonio di tutti.

Se quindi avreste sempre voluta ammirare la bellezza della leggendaria Nefertiti ma non avete mai avuto modo di recarvi a Berlino, ora potete cliccare su questo LINK e godervi la proiezione in 3D.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik