11:54 09 Dicembre 2019

Usa esortano la Danimarca ad acquistare più caccia F-35 e rafforzare pattugliamento dell'Artico

© Foto : Public domain/ Robert Sullivan
Mondo
URL abbreviato
0 012
Seguici su

Diverse partiti danesi hanno affermato che l'ambasciatrice americana si è spinta troppo oltre nell'istruire Copenaghen su come spendere i propri fondi.

Gli Stati Uniti hanno esortato la Danimarca ad acquistare altri caccia F-35. Questo messaggio è giunto attraverso l'ambasciatrice degli Stati Uniti in Danimarca Carla Sands.

Finora, la Danimarca ha acquistato 27 F-35 dagli Stati Uniti, ma almeno cinque di questi saranno permanentemente di stanza negli Stati Uniti.

"Alcuni degli aerei danesi resteranno negli Stati Uniti, perché i piloti danesi verranno addestrati in Arizona e circa 22 aerei verranno inviati in Danimarca", ha detto Sands al quotidiano Jyllands-Posten.

“Non si tratta di molti velivoli rispetto ai 38-40 F-16 che avete oggi. In realtà si tratta di una riduzione del numero di aeromobili, quindi la Danimarca dovrebbe probabilmente rivalutarlo”, ha continuato Sands. Secondo il Ministero della Difesa danese, attualmente sono in uso solo trenta F-16.

Inoltre, l'ambasciatrice Carla Sands ha espresso la sua preoccupazione per l'insufficiente potenza aerea della NATO e delle basse capacità di pattugliamento nell'Artico, esortando Copenaghen a mantenere le promesse triennali di rafforzare la difesa e la sorveglianza.

Carla Sands nella sua dichiarazione ha fatto riferimento a un rapporto del Ministero della Difesa del 2016 sui compiti nell'Artico, in cui sono state espresse preoccupazioni per la presenza militare russa nella regione. Sands ha anche suggerito che il rapporto indicava la mancanza di satelliti, il che riflette il fatto che la Danimarca non monitora abbastanza bene i cieli o le acque della Groenlandia e che è in ritardo.

Il finanziamento militare rimane un altro punto sensibile nelle relazioni USA-Danimarca, poiché Washington ha spinto i membri della NATO ad aumentare il loro budget per la difesa ad almeno il 2% del PIL, in conformità con il vertice del 2014 in Galles.

Il ministro della Difesa danese, la socialdemocratica Trine Bramsen, ha sottolineato che non ci sono piani per l’acquisto di altri aerei. Né il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si aspetta che Copenaghen presenti un piano per un aumento del bilancio della difesa al vertice di Londra, ha affermato.

Si è spinta troppo oltre

Sia i socialdemocratici che il partito popolare danese di destra hanno concluso che Carla Sands si sia spinta troppo oltre nell'istruire Copenaghen su come spendere il suo bilancio per la difesa.

"Semplicemente non è possibile che l'ambasciatrice americana si metta a indicare ciò che la Danimarca dovrebbe comprare", ha detto al quotidiano Altinget il portavoce estero del Partito popolare danese Søren Espersen. Lo ha definito inaccettabile e ha sottolineato di non averlo mai sentito prima.
“Non sapevo che fosse diventata una broker di aerei. Credo che sia stata prima di tutto una diplomatica. È una novità avere un ambasciatore che afferma che dobbiamo comprare aerei di un certo marchio”, ha detto il portavoce della difesa socialdemocratica Bjarne Laustsen. 

La Danimarca riceverà un totale di 27 F-35 prodotti dagli Stati Uniti Lockheed Martin tra il 2023 e il 2027. I jet da combattimento in precedenza avevano scatenato un dibattito politico prolungato in Danimarca e si era scoperto che avevano problemi con i livelli di rumore.

Correlati:

Incendio in una fabbrica che produce componenti per i caccia americani F-35
F-35 italiani dispiegati in primo teatro operativo
Pressioni negli USA per riportare la Turchia nel programma F-35 nonostante gli S-400
Tags:
Artico, Danimarca
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik