21:24 30 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
3174
Seguici su

Mevlut Cavusoglu, ministro degli Esteri turco, replica alle critiche di David Sassoli, avvenute a margine del loro incontro. "Pubblica e spaccia come vere cose che non mi ha mai detto", lamenta Cavusoglu. Il presidente dell'Europarlamento aveva criticato l'operazione Fonte di Pace.

Non si può dire che sia andato a buon fine l'incontro tra il presidente del parlamento David Sassoli e il ministro degli Esteri della Turchia, Mevlut Cavusoglu. I commenti a margine del vertice, pubblicati da Sassoli attraverso i social, hanno sparso la benzina sul fuoco dei già tesi rapporti tra Ankara e Bruxelles, che poco più di una settimana fa aveva adottato delle sanzioni contro la Turchia, per via delle trivellazioni a sud di Cipro. 

Alcune dichiarazioni a margine, così come i tweet del rappresentante europeo, hanno mandato su tutte le furie Cavusoglu, che ha usato parole durissime nei confronti di Sassoli. 

"Condivide e spaccia come vere cose che non mi ha mai detto quando ci siamo incontrati - ha twittato il ministro turco- Un nuovo esempio della mancanza di sincerità e dei voltafaccia dell'Unione europea. Mi vergogno per lui. Sono sorpreso che una persona che rappresenta gli europei possa distorcere in tal modo il contenuto dell'incontro".

​Le dichiarazioni di Sassoli

A far infuriare Cavusoglu sono state le dichiarazioni dell'Europresidente, consegnate ai social, sulla crisi dei profughi e le minacce di Ankara alla UE. 

"Ho sottolineato che il Parlamento Ue continua a prestare la massima attenzione nell'affrontare la crisi umanitaria e dei rifugiati in corso - si legge nel tweet - Ciò include il pieno sostegno agli Stati membri che affrontano le sfide più serie in termini di flussi migratori nel Mediterraneo orientale. Ho anche chiarito che è assolutamente inaccettabile usare le persone in fuga da guerre e persecuzioni per ottenere un vantaggio politico o fare pressione sull'Ue"

​Sempre su twitter, Sassoli aveva condannato le trivellazione di idrocarburi della Turchia nel Mediterraneo, definendole illegali e aveva porto solidarietà a Cipro.

Tags:
Siria, David Sassoli, UE, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook