04:48 08 Dicembre 2019

Bolivia, atteso l'annuncio di nuove elezioni

© REUTERS / Luisa Gonzalez
Mondo
URL abbreviato
843
Seguici su

Il presidente ad interim della Bolivia Jeanine Áñez ha detto ai giornalisti che la data delle elezioni generali potrebbe essere annunciata mercoledì, come riporta El Deber.

Il presidente ad interim Jeanine Áñez ha annunciato che le elezioni generali sono previste per mercoledì e ha assicurato che il suo Governo continuerà a lavorare per la pace in tutto il territorio nazionale.

"Se Dio vuole, oggi annunciamo lo svolgimento delle elezioni, perché lo richiede l'intero paese. Lo facciamo in maniera responsabile ed insieme agli organismi internazionali ed a tutti coloro che vogliono arricchire questo progetto di base", le parole di Jeanine Áñez riportate da El Deber.

Il "progetto di base" a cui fa riferimento la Áñez è quello di una nuova costituzione, già redatto e soggetto a correzioni, dopo esserte stato arricchito da tutti i settori coinvolti nel compito fondamentale di pacificare il paese.

Il Presidente del Senato, Eva Copa, ha accolto negativamente la decisione di indire elezioni attraverso un decreto, definendola un'azione incostituzionale. "Non possiamo permettere che le elezioni si svolgano per decreto quando l'Assemblea Legislativa funziona con legalità e legittimità", ha sottolineato, come riporta El Deber.

La situazione in Bolivia

Alle elezioni presidenziali tenutasi in Bolivia il 20 ottobre, il capo dello Stato Evo Morales ha vinto la vittoria già nel primo turno, ma il suo principale rivale Carlos Mesa non ha riconosciuto i risultati del voto. Le forze armate della Bolivia hanno esortato Morales a lasciare il posto per garantire la stabilità nel paese, dopo di che il 10 novembre ha annunciato le dimissioni. I poteri presidenziali sono passati temporaneamente all'opposizione, al secondo vice presidente del Senato Jeanine Áñez. I sostenitori di Morales contestano il trasferimento dei poteri di Áñez e chiedono le sue dimissioni.

Lo scorso martedì, la senatrice d'opposizione Jeanine Áñez ha dichiarato che avrebbe preso le redini del paese, vedendosi conferire l'incarico di presidente ad interim un giorno dopo, con l'approvazione del Tribunale costituzionale della Bolivia, ma senza quello del Parlamento, per il mancato raggiungimento del quorum. Con il paese travolto dalle sommosse, con una buona parte della popolazione scontenta per quello che viene definito da più parti un colpo di stato, Evo Morales ha fatto sapere che tornerà in Bolivia se l'Assemblea Legislativa non ratificherà le sue dimissioni.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik