18:02 07 Dicembre 2019
Elicotteri russi

Elicotteri russi trasferiti in una nuova base nel nord della Siria - Video

© Sputnik . Sergei Mamontov
Mondo
URL abbreviato
3651
Seguici su

Un gruppo di elicotteri russi è stato trasferito dalla base di Khmeimim in un aeroporto nella città di Qamishli, nel Kurdistan siriano, nell’ambito dell’accordo di pattugliamento dei confini tra Siria e Turchia.

Lo ha riferito il canale ‘Zvezda’ (‘Stella’), che ha pubblicato un video sul trasferimento degli elicotteri, e I’agenzia di stampa russa Interfax citando il comunicato del capo del comando aereo nella città di Kamyshly, Timur Khodjaev.

“Questo è il primo gruppo di elicotteri da combattimento delle forze aerospaziali russe nel nord della Siria. Si stanno preparando per l'atterraggio”, afferma il corrispondente di Zvezda. La polizia militare ha isolato la zona di atterraggio, gli elicotteri da terra sono coperti dal sistema di difesa aerea Pantsir.

La durata del volo dalla base di Khmeimim all'aeroporto di Qamishli è stata di circa cinque ore, osserva il reportage della Zvezda. La missione assegnata è quella di fornire adeguata copertura per la polizia militare russa, che pattuglia i territori confinanti con la Turchia nel quadro del memorandum russo-turco.

In precedenza, il Ministero della Difesa russo aveva annunciato la creazione di un ufficio del comando aereo nella città di Qamishli. Il rapporto dell'agenzia ha indicato che con l'aiuto della nuova base, i militari saranno in grado di pattugliare la provincia nord-orientale di Hasaka, che confina con la Turchia e l'Iraq.

Fino a ottobre, a Qamishli era situata una base americana. L'esercito americano la lasciò dopo l'inizio dell'operazione militare turca "Fonte della pace" contro i gruppi armati curdi.

La polizia militare russa ora pattuglia il territorio nel nord-est della Siria conformemente al memorandum che i leader di Turchia e Russia hanno firmato il 22 ottobre.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik