10:37 09 Dicembre 2019
Foreign fighters

La Turchia inizia a rispedire nei Paesi d'origine i combattenti stranieri dell'Isis

© AP Photo /
Mondo
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Sono iniziate le procedure per il rimpatrio dei foreign fighters dell'Isis detenuti in Turchia per 1 americano, 9 tedeschi, 11 francesi e 2 irlandesi.

Le autorità turche hanno iniziato a rimpatriare i combattenti stranieri catturati del gruppo terroristico dello Stato Islamico catturati in Siria.

Ankara ha fatto sapere di aver espulso 2 foreign fighters del Daesh, un cittadino tedesco e un americano, avviando il programma di rimpatrio degli islamisti, provocando ulteriori attriti con i suoi alleati all'interno della Nato dopo il lancio dell'offensiva nel nord della Siria contro i curdi, ora sospesa.

​Nella giornata di oggi dovrebbero essere rimpatriato anche un cittadino danese. Poi in attesa di essere rispediti nel Paese d'origine ci sono altri 7 cittadini tedeschi, il cui rimpatrio è atteso giovedì, 2 terroristi di origine irlandese, altri 2 tedeschi e 11 francesi, per cui le procedure sono già state avviate e quasi completate.

Tuttavia non è specificato il numero esatto di jihadisti che verranno rimpatriati. In precedenza il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva affermato che 1201 combattenti dell'Isis sono detenuti nelle prigioni del Paese, osserva la Reuters.

Il ministro dell'Interno Süleyman Soylu aveva precedentemente sottolineato che le autorità turche avrebbero espulso anche quei jihadisti diventati apolidi dopo la perdita della cittadinanza su decisione dei loro Paesi di provenienza.

Erdogan e la minaccia di profughi siriani in Europa

Il presidente turco aveva fatto sapere all'Unione Europea che se avesse ritenuto l'operazione militare in Siria un'occupazione della Turchia, allora avrebbe aperto i confini per permettere ai profughi siriani di raggiungere l'Europa. Così si era espresso Erdogan dopo l'avvio dell'offensiva nel nord della Siria contro i gruppi armati curdi. Dopo gli accordi raggiunti con gli Stati Uniti e la Russia, la Turchia ha sospeso la campagna militare.

Tags:
Occidente, Terrorismo, foreign fighters, ISIS, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik