00:17 16 Novembre 2019
Cimitero ebraico profanato in Danimarca

In Danimarca profanato cimitero ebraico: 80 lapidi rovesciate o imbrattate con vernice

© Foto: Twitter/pressefotosdk
Mondo
URL abbreviato
401
Seguici su

Il cimitero di Ostre Kirkegard nella città di Randers è stato fondato nel XIX secolo, in un periodo in cui questo centro ospitava la seconda comunità ebraica per numero dopo la capitale Copenaghen.

Più di 80 lapidi del cimitero ebraico di Ostre Kirkegard nella città danese di Randers sono state profanate da alcuni vandali, ha riferito nella giornata di oggi la polizia locale.

"Le lapidi sono state imbrattate con vernice verde ed alcune sono state rovesciate", ha detto il rappresentante della polizia Bo Christensen. "Non ci sono simboli o parole scritte sulle lapidi".

​Secondo Christensen, la polizia ha ricevuto la denuncia dell'atto vandalico nella giornata di ieri, tuttavia non sono certi di quando sia avvenuta esattamente la profanazione del cimitero.

La polizia dello Jutland ha avviato un'indagine ed ha chiesto a testimoni di farsi avanti se "hanno visto persone sospette nel cimitero o se hanno informazioni sui responsabili", ha aggiunto il commissario Bo Christensen. Randers Amtsavis.

Antisemitismo: caso Segre in Italia

Solidarietà da tutte le forze politiche del Paese, da sinistra a destra, alla senatrice a vita Liliana Segre, bersagliata dagli haters sui social network. Superstite dell’Olocausto e attiva testimone della Shoah italiana, ogni giorno riceve mediamente 200 insulti a sfondo razziale, secondo quanto scritto in un rapporto dell’Osservatorio sull'antisemitismo.

Dopo l'incremento degli insulti e le incitazioni all'odio antisemitico dei giorni scorsi, è stata disposta la scorta per la senatrice a vita 89enne Liliana Segre. Il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica di Milano, presieduto dal prefetto Renato Saccone, ha disposto che dalla giornata di oggi a Liliana Segre sia garantita una scorta personale che la protegga.

Tags:
ebrei, Cimitero, antisemitismo, Danimarca
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik