22:37 11 Dicembre 2019
Una ragazza perplessa

Il modello di liberalismo è in crisi? - Sondaggio

© Depositphotos / Denisismagilov
Mondo
URL abbreviato
880
Seguici su

Ultimamente tiene botta il dibattito sul liberalismo come modello di una società i cui valori sono in crisi: dal principio di non interferenza dello stato in economia, al multiculturalismo, passando per le teorie di modificazione della definizione tradizionale della famiglia.

Sondaggio di IFlop

Il modello di liberalismo è in crisi? - Sondaggio
© Sputnik /
Il modello di liberalismo è in crisi? - Sondaggio

Risultati principali

La stragrande maggioranza degli italiani (80%) e francesi (73%), la maggioranza dei tedeschi (61%), americani (60%) e britannici (58%) non sono soddisfatti del modello di società esistente e ritengono che il liberalismo sia in crisi e occorrono modalità di sviluppo sociale diverse.

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito i rispondenti al sondaggio con un livello di istruzione più alto più spesso sostengono che il modello esistente di liberalismo è in crisi. In altri paesi tale risposta è stata scelta dalle persone con un livello di istruzioni basso o medio.

Le opinioni di ciascun paese

Italia

L’80% degli italiani sostengono che liberalismo è in crisi. E’ il dato più alto tra tutti i paesi dove è stato condotto il sondaggio.

Francia

  • La parte sostanziosa dei rispondenti francesi crede che il modello di liberalismo sia in crisi (73%) e che ci sia bisogno di altre modalità di sviluppo.
  • Più spesso tale opinione viene sostenuta dalle persone dai 35 anni in su
  • L'insoddisfazione verso il liberalismo è più forte tra gli abitanti delle aree rurali (76% contro 72% e 70%)
  • Le persone che sostengono che il liberalismo sia in crisi più spesso hanno votato alle elezioni per Jean-Luc Mélenchon(82%) e Benoît Hamon (78%)

USA

  • I rispondenti con un livello di istruzione basso o medio più spesso dichiarano che il liberalismo è in crisi (66% e 62% contro 56% e 52%)
  • I repubblicani sono più insoddisfatti del liberalismo rispetto ai democratici (76% contro 49%).
  • Più di metà degli americani laici dicono che il liberalismo è un modello sociale decente e che non deve subire mutamenti sostanziosi.

Gran Bretagna

  • Più di metà dei britannici (58%) concorda con l'affermazione secondo cui l'attuale modello di liberalismo è in crisi, ma rispetto ad altri paesi la percentuale di rispondenti che sostengono questa opinione è la più bassa.
  • I britannici con un livello di istruzione superiore più spesso credono che siano necessari altri modelli di sviluppo della società insieme al liberalismo esistente (71% contro il 56% dei rispondenti con un livello basso, nonché con un livello secondario e primario superiore, il 57% ciascuno)
  • I sostenitori della Brexit più spesso sostengono l’opinione che il liberalismo sia in crisi.

Germania

  • I tedeschi che hanno un livello di istruzione basso più spesso concordano con l’opinione che il modello di liberalismo vigente sia  in crisi (67% contro 62%, 60% e 57%). Tale parere è più diffuso tra i sostenitori del partito del Partito di Sinistra (Die Linke) – 73% e del partito di destra Alternativa per la Germania (Alternative fur Deutschland) – 74%.
  • Il maggior tasso d'insoddisfazione si registra a Berlino e in Sassonia, il 73% ed il 70% rispettivamenteù


Crisi del liberalismo

Il presidente russo Putin a giugno scorso ha parlato in un'intervista al Financial Times di una crisi evidente del liberalismo, specificando come sia sempre meno accettato un sistema internazionale che ignora i confini e la necessità di proteggerli rispetto ai flussi incontrollati di persone e culture, rivendicando la necessità della politica di porre al centro la difesa degli interessi nazionali.

Brexit sospesa

Dopo il recente rinvio al 31 gennaio 2020 della data di attuazione della Brexit e con le elezioni che avranno luogo nel Regno Unito tra poco più di un mese, l'ipotesi di una Brexit senza accordo sembra sempre più lontana.

Il premier Boris Johnson parrebbe inoltre essere recentemente passato da una politica del 'o la va' entro il 31 ottobre 'o la spacca', ad una politica più orientata verso il negoziato con Bruxelles, alla ricerca di un nuovo accordo con Bruxelles.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik