Widgets Magazine
08:44 13 Novembre 2019

Roma, chiesa gremita per i funerali di Luca Sacchi, assente la fidanzata

Anastasiya Kylemnyk
Mondo
URL abbreviato
102
Seguici su

Una chiesa gremita per l'ultimo saluto a Luca, nonostante i genitori avessero chiesto riservatezza. Stride l'assenza di Anastasiya, la fidanzata coinvolta nell'aggressione.

Un lungo applauso ha accompagnato la bara, mentre lasciava la chiesa alla conclusione dei funerali. La madre di Luca abbracciava il feretro, su cui capeggiava di rose bianche, coi nomi "mamma, papà, Federico". 

Gli amici hanno dato l'ultimo saluto sfrecciando con le moto dinnanzi al carro funebre. Gremita la chiesa del Santissimo nome in Maria. Tante le corone e i fiori di familiari, amici o semplici passanti, lì perché toccati da una triste vicenda che ha scosso l'opinione pubblica. 

Mancava solo lei, Anastasiya, la fidanzata anche lei aggredita quel giorno, colpita con una mazza da baseball alla testa e alla schiena dai rapitori. Già sentita dagli inquirenti, sarà chiamata a testimoniare nei prossimi giorni. Secondo la ricostruzione dei gli inquirenti, avrebbe portato uno zainetto contenente denaro. Per questo motivo Paolo Pirino l'avrebbe colpita e, nel difenderla, Luca sarebbe stato ucciso con un colpo di pistola alla testa da Valerio Del Grosso, nella notte tra il 23 e il 24 ottobre. 

"Non ci sono parole per colmare il vuoto di una persona cara che ci lascia soprattutto per i genitori. Solo il silenzio", ha detto il sacerdote nell'omelia. "La morte di Luca ci ha colpito, in un certo senso ci ha fatto morire - ha sottolineato - Nel mondo in cui viviamo a volte ci sentiamo scoraggiati. Facciamo che la morte di Luca sia per tutti noi motivo di vita".

Tags:
omicidio, Roma, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik