22:32 11 Dicembre 2019

Israele, non è escluso un nuovo intervento militare a Gaza

© AP Photo / Adel Hana
Mondo
URL abbreviato
307
Seguici su

Dopo l'escalation dello scorso fine settimana, fonti ministeriali israeliane non escludono di poter avviare una nuova offensiva sulla striscia di Gaza.

Israele si prepara ad usare il pugno duro su Hamas in seguito alla recente escalation di violenza, che ha visto ancora una volta protagonista la striscia di Gaza, dalla quale sono stati sparati 10 missili nel corso dell'ultimo fine settimana.

Il ministro dell'Energia israeliano Yuval Steiniz ha dichiarato che Tel Aviv si vedrà costretta a lanciare una nuova offensiva nei territori della striscia di Gaza a meno che la situazione non verrà normalizzata nell'arco delle prossime ore.

"Se non c'è altra via d'uscita, daremo il via ad un'operazione di terra per distruggere Hamas (a Gaza ndr)", ha dichiarato il ministro, intervistato da Galei Tzahal, l'emittente radiofonica ufficiale delle forze armate israeliane.

Ieri il gabinetto del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, si è riunito per affrontare la questione dell'escalation militare a Gaza. 

Il premier ha pubblicamente accusato Hamas degli attacchi lanciati contro Israele e ha aggiunto che la situazione ai confini orientali, settentrionali e meridionali è diventata "esplosiva", precisando che il governo continuerà a lavorare in tutte le direzioni per assicurare un adeguato livello di sicurezza al Paese.

Gli attacchi missilistici del week-end

Nel corso dello scorso fine settimana un totale di 10 missili sono stati sparati dalla striscia di Gaza, con 8 di questi che sono stati prontamente intercettati dai droni delle forze armate di Tel Aviv. 

Uno dei razzi ha colpito un edificio residenziale nel centro abitato di Sderot, fortunatamente senza causare alcuna vittima.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik