03:58 20 Novembre 2019
I leoni della riserva naturale di Rietvlei a Pretoria, in Sudafrica

Intero branco di leoni massacrato e parti dei corpi usate per magia nera

© Foto: Account facebook del guardiano del parco
Mondo
URL abbreviato
2113
Seguici su

E’ successo giovedì scorso nella Riserva naturale di Rietvlei a Pretoria, in Sudafrica. Un intero branco di leoni è stato brutalmente assassinato dai bracconieri che hanno poi sezionato i corpi per impossessarsi di trofei e parti da utilizzare in pozioni di magia nera.

Deve essere stato un duro colpo per il Capo Ranger della Riserva, Bradden Stevens, 33 anni, che ha trascorso un terzo della sua vita a prendersi cura dei leoni, e che giovedì ha fatto la triste scoperta.

Jarvis, Bashi, Tawana e Tau sono stati brutalmente assassinati, in quello che sembra essere un omicidio muti [magia nera]”, ha scritto Stevens, in un sentito post pubblicato su Facebook. "Questi ultimi giorni sono stati i più bui che abbia mai vissuto".

Secondo un rapporto dell'autopsia i leoni sarebbero stati prima avvelenati dai bracconieri poi, una volta ceduto ad una morte lancinante, sono state amputate zampe e mascelle per usarli nella magia nera. Altre due femmine del branco, di nome River e Serabi, erano state avvelenate a morte nel 2017, ma in quel caso i bracconieri vennero scoperti prima che potessero mutilare i cadaveri.

Apparentemente la banda armata aveva una conoscenza molto approfondita della riserva di caccia e delle misure di sicurezza, riuscendo a sfuggire ai ranger del parco, avvelenare i leoni con carne contaminata nella loro riserva di oltre 250 ettari di terreno e trovare il tempo per eseguire i sezionamenti per poi infine fuggire senza lasciare significative tracce.

La Riserva Naturale di Rietvlei ospita anche popolazioni di rinoceronti, leopardi, bufali e, fino alla scorsa settimana, ospitava appunto anche un branco di leoni. Ora ci sono crescenti preoccupazioni per la sicurezza degli altri animali che vivono all'interno del parco.

"Questo orribile crimine non rimarrà impunito", ha detto il servizio di polizia sudafricano.

I ‘Muti’ sono pozioni di stregoneria che i guaritori indigeni creano per lanciare una varietà di incantesimi, dalla protezione, alla virilità, alle cure per le malattie, alle pozioni per ottenere vigore e forza.

La sicurezza nella zona è stata rafforzata in seguito al brutale episodio, con pattuglie di polizia aggiuntive volte alla ricerca degli autori e a bloccare chiunque venisse colto a trafugare fuori della regione i macabri trofei, ma le stesse autorità temono che possa essere già troppo tordi.

Tags:
Animali
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik