23:41 15 Novembre 2019
Yars

Come si riposiziona un missile balistico intercontinentale Yars? Nuovo video della Difesa

© Sputnik . Vadim Savitskii
Mondo
URL abbreviato
1150
Seguici su

Gli Yars sono missili balistici lunghi 21 metri, larghi 2 e che pesano 49 mila chili. Come si fa a riposizionarli da una rampa mobile stradale ad un silos sotterraneo?

Il Ministero della Difesa della Federazione russa ha pubblicato un video che mostra un reggimento nella regione di Kaluga impegnato a riposizionare uno Yars, missile balistico intercontinentale di ultima generazione, dalla sua rampa mobile stradale al silos sotterraneo.

Operazione particolarmente delicata vista la mole del missile che dalla posizione orizzontale all’interno del mezzo mobile, deve essere messo in quella verticale all’interno del silos sotterraneo.

Il video pubblicato dalla Difesa russa ci mostra come viene eseguito questo riposizionamento e la particolare tecnica usata.

"Nel 2019, una prima serie di lavori di costruzione e installazione è stata completata e il reggimento missilistico ri-equipaggiato", ha detto il dipartimento di informazione e comunicazione militare.

La divisione Kozelsky, di stanza nella regione di Kaluga, è la prima delle forze missilistiche strategiche a riarmare un nuovo complesso di Yars a base fissa.

Il ministero della Difesa rileva che l'adozione degli Yar e delle sue versioni potenziate migliorerà le capacità di combattimento del gruppo di attacco delle forze missilistiche strategiche per superare i sistemi di difesa missilistica e rafforzare le capacità di deterrenza nucleare.

In precedenza era stato riferito che quest'anno è previsto il riarmo di quattro reggimenti missilistici delle forze missilistiche strategiche sui complessi Yars.

RS-24 Yars

L’RS-24 Yars è una versione più pesante del RT-2UTTH, ed è un missile balistico intercontinentale di nuova generazione capace di portare testate multiple e infrangere le difese antimissile. Utilizza propellente solido ed ha una gettata di circa 12mila chilometri.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik