02:44 20 Novembre 2019
Proseguono le proteste e gli scontri a Bagdad, Iraq

Iraq, polizia spara sui manifestanti a Karbala: almeno 13 morti e oltre 850 feriti

© AP Photo/ Hadi Mizban
Mondo
URL abbreviato
208
Seguici su

Ieri a Karbala almeno 13 persone sono rimaste uccise e 850 hanno riportato delle ferite in seguito a dei feroci scontri tra i manifestanti antigovernativi e la polizia irachena.

Almeno 13 persone hanno perso la vita e oltre 850 sarebbero rimaste ferite dopo che nella giornata di ieri la polizia ha aperto il fuoco su una folla di manifestanti radunatasi nella città santa per gli sciiti di Karbala.

Ieri l'intero centro urbano è stato teatro di durissimi scontri tra le forze dell'ordine e la folla inferocita che, come spesso accaduto in questo Paese nelle ultime settimane, si sono conclusi nel sangue.

Nelle scorse settimane anche nella capitale Baghdad si era assistito a vere e proprie scene di guerriglia urbana che avevano mietuto circa 250 vittime, dopo che le folle dei manifestanti avevano ignorato il coprifuoco imposto dalle autorità militari irachene.

I riottosi avevano avevano tentato a più riprese di entrare nella cosiddetta Zona Verde, l'area di Baghdad dove sorgono uffici governativi, ambasciati e sede di aziende straniere.

Il governo centrale ha provato ripetutamente a scoraggiare i tentativi di assembramento nelle zone del centro città, diffondendo messaggi tramite i maggiori social network, come Facebook, Twitter, WhatsApp e Instagram.

Le proteste in Iraq

Le proteste in Iraq, cominciate ad inizio mese, sono state causate da una grande crisi che sta coinvolgendo tutto il Paese, dove la disoccupazione continua a crescere, così come il livello di corruzione dei politici.

I dimostranti chiedono le dimissioni del governo e un profondo rinnovamento sulla scena politica nazionale.

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik