20:12 10 Dicembre 2019

Gli USA ancora vogliono che la Turchia "stia alla larga" dall'accordo S-400 con la Russia

© Sputnik .
Mondo
URL abbreviato
5226
Seguici su

All'inizio di questa settimana, alcuni senatori statunitensi hanno presentato una proposta di legge nota come "disegno di legge sulle sanzioni della Turchia", che chiede misure restrittive "ad ampio raggio" contro Ankara sul suo accordo di acquisto del sistema missilistico S-400 con Mosca.

Gli Stati Uniti stanno ancora cercando di convincere la Turchia a non utilizzare i sistemi missilistici S-400 russi. E' quanto ha riferito Reuters citando un anonimo funzionario senior del Dipartimento di Stato. Un primo contingente dei contestati missili era già arrivato in Turchia a luglio, scatenando l'ira del più grande alleato NATO di Ankara.

"Dobbiamo ancora lavorare per convincere i turchi a stare lontani dagli S-400: che si tratti di disattivarli, restituirli, distruggerli, qualsiasi cosa. Si tratta di un problema ancora in corso. Stiamo parlando di rimediare, ricollegare, riconciliare. Non è ancora una questione fuori dal tavolo", ha sottolineato il funzionario.

La fonte ha affermato pure che "non tutti sono d'accordo con il presidente Erdogan nel governo turco e che ci sono turchi che in precedenza avrebbero detto di "preferire non mettersi a rischio influenza russa", di non rischiare di isolarsi dai partner della NATO e da Washington".

Il funzionario ha insistito sul fatto che, nel migliore degli scenari possibile la Turchia non avrebbe mai acquistato alcun componente del sistema S-400.

"Ma ora che quella linea è stata superata, è una questione di come isolare e compartimentare quello che è già successo, neutralizzarlo e andare avanti [...], ma adesso è molto più difficile di quanto non fosse prima", ha aggiunto.

La Turchia acquisterà gli aerei da guerra Su-35 della Russia?

Queste osservazioni arrivano proprio quando il quotidiano turco statale Daily Sabah, citando fonti locali, ha affermato che Ankara è vicina a un accordo con Mosca per l'acquisto dei Su-35, i caccia russi a tecnologia avanzata, nonché a un accordo per coprodurre alcuni delle componenti di questi aerei da guerra.

 

 

Su-35 della quinta generazione
© Sputnik . Ruslan Krivobok
Su-35 della quinta generazione

 

 

Le fonti hanno affermato che funzionari turchi e russi sono in trattative per la vendita di di 36 aerei Su-35 alla Turchia, a due mesi dalla visita del presidente Recep Tayyip Erdogan allo show aereo del MAKS, fuori Mosca.

Poco tempo dopo, Erdogan aveva confermato i negoziati in corso sulle consegne dei Su-35 ad Ankara, anche se il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu del paese aveva in precedenza negato che tali colloqui fossero stati condotti.

Perché Ankara e Washington sono ancora ai ferri corti?

Prima che tutto questo avvenisse, Washington aveva annunciato la sua decisione di sospendere la partecipazione della Turchia al programma internazionale F-35 sull'acquisto da parte di Ankara degli S-400, aggiungendo che il paese sarebbe stato completamente rimosso dal progetto entro la fine di marzo 2020. Nell'ambito del programma, la Turchia ha ordinato più di 100 caccia F-35.

Gli Stati Uniti affermano che i sistemi S-400 sono incompatibili con le armi di difesa aerea della NATO e potrebbero compromettere le operazioni degli aerei da combattimento F-35. Washington ha ripetutamente minacciato di imporre sanzioni contro Ankara per l'acquisto degli S-400.

Nonostante la pressione degli Stati Uniti, la Turchia ha rifiutato di recedere dal contratto con la Russia, sostenendo che si tratta di un accordo già fatto, di vitale per la sua difesa nazionale. Ankara ha anche sottolineato che gli S-400 non sono in alcun modo collegati alla sicurezza della NATO, degli Stati Uniti o dell'F-35.

Mosca e Ankara hanno firmato un accordo di vendita per la fornitura di sistemi di difesa antiaerea S-400 russi in Turchia a settembre 2017. La Russia ha completato la prima spedizione di componenti S-400 in Turchia a fine luglio 2019. Dopo la seconda parte di consegne, conclusasi a fine settembre, il ministro degli Esteri Cavusoglu ha dichiarato di non escludere che Ankara potesse acquistare un ulteriore lotto di S-400 se necessario.

Tags:
Turchia, Sistema antiaereo S-400, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik