17:21 22 Novembre 2019
Il sistema di contraerea S-400 Triumf

"Minaccia letale": rivista americana parla dei vantaggi dei lanciamissili russi S-400

© Sputnik . Alexander Vilf
Mondo
URL abbreviato
2250
Seguici su

I nuovi missili, le tecnologie radar e l'ampio campo di utilizzo rendono i sistemi missilistici di contraerea russi S-400 un'arma formidabile e letale che dovrebbe essere temuta, scrive un editorialista della rivista The National Interest.

La Russia cerca di vendere e sfruttare gli S-400 per ottenere leve e minacciare gli avversari, si legge nell'articolo. L'interesse mostrato nel mondo ed i Paesi in fila per questo armamento di contraerea costringono gli Stati Uniti ad imporre sanzioni per il semplice acquisto di questa unità.

Le capacità dell'S-400 sono "due volte superiori" ai precedenti sistemi di difesa aerea, è convinto l'autore dell'articolo. In particolare stiamo parlando dei nuovi radar maggiormente sensibili e accurati in grado di rilevare quasi tutti i bersagli aerei.

Un altro vantaggio dell'S-400 è la sua flessibilità d'impiego. Il complesso è compatibile con quattro diversi tipi di missili, che differiscono per peso e caratteristiche. Tutto questo consente l'implementazione di una difesa aerea a più livelli. Inoltre, l'S-400 può utilizzare i missili utilizzati dal sistema S-300.

Un altro indicatore importante è l'aumento del raggio d'azione: ora i razzi possono colpire bersagli fino ad una distanza massima di 400 chilometri.

L'analista considera l'S-400 una profonda modernizzazione dell'S-300, che ha preso tutti i suoi punti di forza. Questo lo rende una "minaccia ancor più letale", ha concluso l'autore della pubblicazione.

S-400 Triumf

I sistemi missilistici antiaerei Triumf S-400 sono progettati e prodotti dalla società Almaz-Antey. Questa unità è progettata per distruggere tutti i mezzi moderni e di prospettiva aerospaziali entro un raggio di diverse centinaia di chilometri a qualsiasi tipo di quota di volo.

Tags:
Sistema antiaereo S-400, Armi, Russia, The National Interest
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik