Widgets Magazine
05:16 12 Novembre 2019
Сamion con 39 cadaveri di migranti ad Essex, Regno Unito

Gb, trovati 9 migranti vivi dopo la scoperta di 39 cadaveri in un camion ad Essex

© REUTERS / Peter Nicholls
Mondo
URL abbreviato
141
Seguici su

In precedenza i corpi di 39 migranti, apparentemente fatti arrivare clandestinamente nel Regno Unito dalla Bulgaria, erano stati scoperti in un container di un camion ad Essex; una delle vittime era minorenne.

La polizia britannica ha aperto un'indagine sull'accaduto ed ha arrestato il camionista 25enne con l'accusa di omicidio.

Nove migranti sono stati trovati vivi all'interno di un camion che era stato fermato nel Kent sull'autostrada M20, riporta Sky News, citando il portavoce della polizia della città. Secondo quanto riferito, la polizia è stata informata del camion alle 15.40 e alla fine ha fermato il veicolo per i controlli, trovando i passeggeri vivi.

"Nove persone sono sottoposte ai controlli del personale medico della costa sud-orientale prima di essere trasferiti agli ufficiali di immigrazione del ministero degli Interni", ha detto il portavoce della polizia del Kent.

La scoperta arriva ore dopo che i corpi di 39 migranti, uno dei quali adolescente, erano stati trovati in un refrigeratore per camion ad Essex. Secondo quanto riferito, il mezzo pesante con a bordo i migranti era arrivato nel Regno Unito dalla Bulgaria il 19 ottobre via Zeebrugge, centro belga.

Camion immatricolato in Bulgaria

Il camion, in cui la polizia britannica ha trovato 39 cadaveri, è immatricolato in Bulgaria, aveva comunicato l'ufficio stampa del ministero degli Esteri bulgaro.

La risposta del premier bulgaro Borisov

Il capo del governo bulgaro Boyko Borisov ha specificato che la Bulgaria non è coinvolta nella situazione e che occorre trovare indizi e prove nel Regno Unito o nell'Irlanda del Nord, Paese da cui proviene il camionista 25enne arrestato con il sospetto di omicidio.

Tags:
Bulgaria, Incidente, Polizia, Società, Migranti, Immigrazione, Regno Unito
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik