12:40 21 Novembre 2019
Naruhito, il figlio dell'imperatore nipponico Akihito

Che imperatore sarà Naruhito?

© AFP 2019 / Ludovic Marin/ POOL
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Il nuovo imperatore Naruhito, salito al trono dopo l'abdicazione di Akihito, sarà chiamato a guidare il Giappone durante l'epoca Reiwa. Sputnik ha intervistato alcuni esperti per saperne di più.

Il 22 ottobre si è tenuta la cerimonia per la salita al trono dell'imperatore giapponese Naruhito. Ma come sarà l'epoca Reiwa in Giappone? E cosa ci si può aspettare dal nuovo imperatore? Sputnik ha provato a vederci un pò più chiaro, avvalendosi della consulenza di diversi esperti.

Naruhito seguirà le orme del padre?

Il caso di Naruhito è più unico che raro. Il desiderio dell'imperatore emerito Akihito di abdicare per motivi di salute ha fatto molto discutere circa la necessità di introdurre dei cambiamenti nella legislazione e di approvare delle riforme. Tuttavia, non è solo la sua particolare ascesa al trono a mettere Naruhito in risalto rispetto ai suoi predecessori.

Per 30 anni il principe ereditario ha vissuto con i propri genitori, il fratello e la sorella; un fatto senza precedenti. 

Fino ad oggi, gli imperatori, e tra di loro anche il padre di Naruhito, erano stati educati lontano dai loro genitori, nelle case dei sudditi; questo perché, secondo la tradizione, l'imperatore deve essere più vicino al popolo, che per lui deve avere più importanza dei suoi stessi parenti.

Il principe ereditario ha così commentato la propria educazione: "Penso che quando riesci a comprendere i sentimenti dei tuoi parenti e delle persone più vicine, allora puoi davvero capire le preoccupazioni del popolo".

Oltre a ciò, Naruhito è diventato il primo imperatore ad aver ottenuto un titolo di studio all'estero, per un periodo che ha definito il "il più felice" della sua vita.

Una delle particolarità dell'epoca Heiwa, quella appena passata secondo il calendario giapponese, era la partecipazione a un gran numero di eventi pubblici, quando Akihito aveva la possibilità di incontrare il popolo. Forse sarà proprio questa una tradizione tra quelle che Naruhito cercherà di mantenere vive.

Il ruolo dell'imperatrice 

L'incontro tra Donald e Melanie Trump e Naruhito e sua moglie Masako si è trasformato in un evento davvero storico. Si tratta del primo caso in cui la coppia imperiale giapponese ha interloquito con degli stranieri senza avvalersi dell'ausilio di traduttori.

L'imperatrice Masako ha tenuto un comportamento molto distante dalla tradizione, rimanendo sempre accanto all'imperatore, e non standogli dietro, e non trattenendosi nel parlare con i suoi ospiti, facendo anche qualche simpatica battuta.

Tale incontro ha assunto una grande importanza per quanto concerne il cambiamento della considerazione che il popolo ha rispetto all'imperatrice Masako, la quale in passato più di una volta aveva mostrato di soffrire di attacchi d'ansia e che tuttora soffre del cosiddetto disturbo dell'adattamento. 

Tuttavia, come sostiene il caporedattore di Asahi Shimbun e dottore in scienze storiche Eiichi Miyashiro, non è da escludere che la loro considerazione di Masako possa cambiare ancora:

"L'animo giapponese impone di evitare le critiche durante i festeggiamenti per non rovinare lo spirito gioioso che regna tra la gente. Ma i media sono tutt'altra cosa, poiché sono costretti a criticare tutto ciò che è criticabile. Tuttavia oggi questi stessi media ci chiedono di astenersi dal fare valuazioni negative. Se accendiamo la TV, non sentiamo altro che commenti positivi e parole di sostegno. Ma come sarà valutata la coppia imperiale dopo la fine dei festeggiamenti, questo lo sapremo solo in futuro".

Tra vento riformatore e aderenza alle tradizioni

Eiichi Miyashiro ipotizza che, a dispetto delle idee progressiste di Naruhito, è difficile dire se l'imperatore riuscirà a mantenere uno stile di vita scevro dalle tradizioni e dalle limitazioni da esse imposte, specialmente con la continua attenzione mediatica alla quale si troverà esposto: "Penso che il nuovo imperatore sia una persona con delle idee riformatrici e, indubbiamente, avrà modo di dire la sua su diverse questioni ma, in quanto le dichiarazioni di natura politica gli sono vietate, non so in quale misura sarà in grado di esprimere sinceramente i propri pensieri".

Secondo la Costituzione, l'imperatore del Giappone non ha il diritto di partecipare alla vita politica del Paese né di esprimere la propria posizione su quanto è necessario cambiare nelle leggi dello stato. Tuttavia, il professor Anatolyj Koshkin, titolare presso l'Istituto dei Paesi Orientali di Mosca ritiene che i poteri del nuovo imperatore potrebbero venire ampliati:

"La destra giapponese è interessata a che l'imperatore torni ad essere non più soltanto un simbolo della nazione. Vorrebbero ripristinare i suoi vecchi diritti e le sue prerogative di un tempo. Credono che ciò potrebbe essere d'aiuto per unire il Paese e il popolo. Per questo motivo la salita al trono del nuovo imperatore potrebbe essere accompagnata da simili tentativi. Se possano avere o meno successo è difficile da dire, poiché si tratta di un qualcosa che riguarda gli articoli fondanti della Costituzione giapponese. C'è da dire, però, che Abe si è detto a favore di una revisione della Costituzione, dunque tutto può essere".

Nel periodo in cui era principe ereditario, Naruhito ha sempre detto che "è necessario capire cosa sia necessario da parte della famiglia imperiale in ogni epoca e in base a ciò correggere l'approccio agli affari di stati in aderenza alla realtà contemporanea".

I cambiamenti, nella casa reale, sono assolutamente naturali. Tuttavia decidere ciò bisogna cambiare e ciò che invece sarebbe meglio non toccare è un compito tra i più ardui e proprio qui l'imperatore giocherà un ruolo fondamentale. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik