11:42 21 Novembre 2019
Boris Johnson

Brexit, Boris Johnson: "Fuori il 31 ottobre o elezioni subito"

© Sputnik . Tierri Monas
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

La camera dei Comuni è chiamata a votare il Withdrawal Agreement Bill. Boris Johnson chiederà le elezioni anticipate se il Parlamento si pronuncerà per ulteriori rinvii della Brexit.

Parlamento inglese sempre più infuocato. Commentando il Withdrawal Agreement Bill alla camera dei Comuni, Boris Johnson ha dato l’aut aut. O si approvano le leggi propedeutiche all’uscita dall’Ue e conseguentemente si esce dall’Ue il 31 ottobre approvando l’accordo, oppure si va direttamente a elezioni politiche entro Natale.

Se vi saranno altri rinvii della Brexit, quindi, Johnson richiederà le elezioni anticipate secondo le leggi britanniche e inizierà la sua campagna elettorale con lo slogan “Get Brexit done”.

Secondo Johnson si può fare tutto in tre giorni, approvare il corpus di leggi attuative dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e votare subito dopo l’accordo di uscita che Johnson ha raggiunto con Bruxelles entro il 31 di ottobre.

Il primo ministro britannico crede che “approvando questo accordo potremo voltare pagina e consentire a questo Parlamento e a questo Paese di sanare le divisioni e unirsi”.

A Bruxelles sono pronti a tutto

Lo scenario sempre più complicato che giunge a Bruxelles da oltre Manica, fa dire al presidente del Consiglio europeo uscente Donald Tusk che “la situazione è piuttosto complessa dopo gli eventi dello scorso fine settimana; sto consultando i capi di Stato e deciderò nei prossimi giorni: tutto dipende da cosa stabilirà il Parlamento britannico”. Così riferendosi anche alla lettera ricevuta da Boris Johnson, il quale è stato costretto dal Parlamento Uk a chiedere all’Ue un rinvio della data di uscita.

Tusk è comunque pronto “a qualsiasi scenario”, ed ha aggiunto, “una cosa deve essere chiara: un recesso senza accordo non sarà mai una nostra decisione”. Insomma, l’Unione Europea è aperta e non manda via nessuno.

La polemica di Farage sul nuovo accordo

Secondo Nigel Farage, fondatore del partito per la Brexit, il nuovo accordo firmato da Boris Johnson a Bruxelles condannerà il Regno Unito ad altri 3 anni di negoziati, “dopo tre anni di negoziati agonizzanti” (2016 – 2019).

A questa battuta ha risposto il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier:

“Farage ha detto che l’accordo spiana la strada a tre nuovi anni di negoziato, ma certo dovremo negoziare per uno, due, tre anni su alcuni settori per ricostruire ciò che è stato disfatto dalla volontà di chi ha appoggiato la Brexit”.

La diretta su YouTube

La diretta sulla discussione del Withdrawal Agreement Bill è disponibile su YuoTube attraverso il canale Tv del Parlamento britannico.

Correlati:

Brexit, Camera dei Comuni approva emendamento rinvio con 322 voti a favore e 306 voti contro
Brexit, la Commissione Europea chiede "informazioni sulle prossime fasi" alla Gran Bretagna
Brexit, BoJo scrive a Bruxelles per chiedere il rinvio ma poi ritratta: "La lettera non è mia"
La Brexit non ferma i turisti inglesi, crescono visite e spese in Italia
Tags:
Boris Johnson, Brexit
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik