Widgets Magazine
04:01 12 Novembre 2019
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu

Auguri Bibi! Gli scandali ed i successi più grandi dei primi 70 anni di Netanyahu

© Sputnik . Irina Kalashnikova
Mondo
URL abbreviato
517
Seguici su

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che attualmente sta servendo il suo quarto mandato come primo ministro, celebra il suo settantesimo compleanno il 21 ottobre. Durante gli anni di politica del primo ministro sono stati numerosi i successi di Netanyahu, insieme agli scandali.

Negli oltre 16 anni trascorsi nella politica israeliana, 13 dei quali nel ruolo di primo ministro, Benjamin Netanyahu ha ottenuto un notevole successo ma ha anche affrontato numerosi scandali. Tra i più noti in cui è coinvolto il primo ministro israeliano c'è un presunto accordo tra il direttore di uno dei più grandi giornali del paese, Yedioth Ahronoth, e Netanyahu. Quest'ultimo è sospettato di promettere di aumentare le posizioni di Yedioth in Israele in cambio del passaggio dal criticare il primo ministro a dargli una copertura più favorevole, anche se Netanyahu nega di fare accordi con L'editore di Yedioth, Arnon "Noni" Moses.

Gli scandali che hanno principalmente colpito Netanyahu non riguardano però solo il primo ministro in persona, ma anche la gente intorno a lui. Un caso controverso è infatti legato al sospetto della polizia che la moglie di Netanyahu, Sara, abbia ricevuto regali di lusso come champagne costoso, sigari e gioielli da miliardari James Packer e Arnon Milchan, in cambio di favori da parte del capo dello Stato israeliano. Tuttavia, nessuna prova è stata trovata finora che questi fossero rapporti "quid pro quo" e non solo doni da parte degli amici, come dichiara Netanyahu. La moglie Sara è stata inoltre accusata di aver abusato di fondi pubblici per ordinare pasti a domicilio senza la dovuta autorizzazione. Dopo anni di indagini e processi si è dichiarata colpevole ed è stata condannata a pagare una multa, mentre le accuse di frode contro di lei sono state ritirate.

Un ulteriore scandalo, anche se in questo caso il nome del primo ministro non compare tra i sospettati, riguarda un'altra indagine penale, chiamata caso 3000. Il cugino e avvocato personale di Netanyahu, David Shimron, è sospettato di aver fatto pressioni al Ministero della Difesa del paese per comprare sottomarini dal costruttore navale tedesco ThyssenKrupp. L'ex Ministro della Difesa Moshe Ya'Alon ha affermato che il primo ministro ha agevolato questo accordo, ma quest'ultimo nega queste accuse.

Oltre agli scandali, i successi del primo ministro

Nonostante le numerose controversie, Benjamin Netanyahu è anche noto per aver ottenuto molto durante la sua carriera politica.

  • Tra il 2003 e il 2005 ha introdotto, come Ministro delle Finanze, importanti riforme economiche. Le sue azioni hanno portato ad una spinta per un'economia precedentemente stagnante, con una crescita annua del PIL che è passata da quasi zero al 6% nel corso di 5 anni e la disoccupazione che è scesa dal 13 al 4%.
  • Nell'ambito della politica estera, ha assicurato il sostegno degli Stati Uniti a due delle ambizioni territoriali di Israele: Gerusalemme come capitale, rivendicata anche dall'autonomia palestinese, e la sovranità sulle alture del Golan, sequestrata dalla Siria durante la Guerra dei sei giorni del 1967. Questi risultati sono diventati possibili grazie a Netanyahu che ha notevolmente migliorato i legami con Washington dopo che si sono deteriorati sotto l'amministrazione di Obama. Questo cambiamento di cuore è ampiamente ipotizzato per aver portato alla decisione del Presidente Trump di ritirarsi dall'accordo nucleare iraniano e di imporre sanzioni contro la Repubblica Islamica, cosa che Netanyahu ha accolto con soddisfazione.
  • Nella sfera invece della politica interna Netanyahu ha tentato di garantire la sicurezza dei cittadini israeliani, senza risparmiare alcuno sforzo o risorse per questa causa, riuscendoci in qualche modo. Ha negoziato numerosi cessate il fuoco con Hamas, mentre L'IDF sotto il suo comando ha distrutto un sistema di tunnel sotterranei presumibilmente usati dai militanti per infiltrarsi in Israele.

Netanyahu non è riuscito a ottenere una vittoria netta in due elezioni da Aprile, in quanto il suo partito Likud ha ceduto il primo posto al suo principale rivale, L'Alleanza blu e bianca, nell'ultimo voto di settembre, non avendo finora potuto ottenere abbastanza sostegno per costruire un governo di coalizione. Il presidente israeliano Rivlin ha proposto di mettere insieme un governo di unità tra Netanyahu e il suo principale rivale, Benny Gantz, ma i negoziati sono attualmente in stallo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik