Widgets Magazine
05:27 12 Novembre 2019

Portaerei giapponese affondata nel 1942 trovata nei fondali del Pacifico

© Foto : Public domain
Mondo
URL abbreviato
0 41
Seguici su

Sul fondo dell'Oceano Pacifico è stato scoperto il relitto della portaerei Kaga della Marina imperiale giapponese, affondata nel giugno del 1942 durante la battaglia delle Midway. La battaglia ebbe un'importanza fondamentale nella battaglia tra Stati Uniti e Giappone per l’Oceano Pacifico.

Dopo diverse settimane di ricerche la nave Kaga è stata trovata a qualche centinaio di chilometri dall’Atollo di Midway ad una profondità di 5400 metri, riporta il quotidiano statunitense The Washington Post. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricerca americano che utilizza veicoli per acque profonde a controllo remoto.

Lo stesso gruppo nel febbraio di quest'anno aveva dichiarato di aver scoperto altre navi americane e giapponesi, tra cui la corazzata Musashi, una delle più grandi della flotta imperiale giapponese, affondata nel 1944.

La Kaga partecipò nell’attacco del Giappone al Pearl Harbor nel dicembre del 1941 e affondò nel giugno del 1942. Infatti, la nave Kaga fu una delle quattro potaerei, persi dalla Marina imperiale giapponese dopo la Battaglia delle Midway, in cui il Giappone fu sconfitto e perse la superiorità tattica e strategica sugli Stati Uniti nella cosidetta Guerra del Pacifico, che infatti faceva parte della Seconda guerra mondiale.

La portaerei Kaga fu colpito da una bomba da 1000 libbre e 3 bombe da 500, lanciate da bombardieri in picchiata Douglas SBD Dauntless. L’attacco causò un vasto incendio ed in seguito la nave fu silurata e affondata dai marinai giapponesi per evitare che finissie in mano agli avversari.

Nel mese di settembre nel Canale di Piast a Swinoujscie, in Polonia, è stata trovata una bomba Tallboy di cinque tonnellate. La bomba progettata dal ingegnere britannico Barnes Wallis risale ai tempi della Seconda guerra mondiale e veniva utilizzata dagli Alleati.

Tags:
Giappone, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik