03:20 20 Novembre 2019
Peshmerga curdi impegnati nella liberazione di Mosul

Siria, Ankara accusa i curdi di violare il cessate il fuoco. Erdogan attacca i Paesi occidentali

© AP Photo / SAFIN HAMED
Mondo
URL abbreviato
224
Seguici su

L'esercito turco ha accusato i Peshmerga curdi di aver violato il cessate il fuoco di 120 ore siglato da USA e Turchia nella giornata di giovedì.

Con un post su Twitter le forze armate turche hanno lanciato pesanti accuse all'indirizzo delle milizie dei Peshmerga curdi, tacciati da Ankara di aver violato il cessate il fuoco di 120 ore attualmente in vigore nella Siria settentrionale.

"Mentre l'esercito turco rispetta in toto gli accordi sulla creazione di una safe zone, i terroristi del PKK e dell'YPG hanno perpetrato ben 14 attacchi nel corso delle ultime 36 ore", si legge nel post diffuso su Twitter.

La condanna di Erdogan

In queste stesse ore il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è andato all'attacco dei Paesi occidentali, rei di aver criticato l'offensiva turca contro i curdi nel nord-est della Siria, accusandoli di essere stati in passato essi stessi i maggiori perpetratori di massacri in tutto il mondo e di continuare oggi a finanziare e a rifornire di armi diverse organizzazioni terroristiche.

"(I Paesi) che oggi vogliono darci lezioni hanno quasi tutti un passato di massacri, invasioni e colonizzazioni. Quelli che ci hanno imposto un embargo sulle armi per l'operazione Fonte di Pace hanno dato armi ai terroristi in Ruanda.", sono state le dure parole del leader turco.

Il cessate il fuoco nella Siria Settentrionale

Il 17 ottobre Erdogan e il vicepresidente americano Mike Pence hanno siglato di un accordo per un cessate il fuoco della durata complessiva di 120 ore atto a permettere alle milizie curde di ritirarsi ad una distanza di sicurezza di 30 km dai confini turchi.

Il trattato, definito "poco chiaro" dal governo di Damasco e una misura insufficiente dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, ha trovato invece l'apprezzamento del presidente americano Donald Trump, il quale in un Tweet lo ha definito un solido accordo, affermando che grazie ad esso "saranno salvati milioni di vite".

L'operazione "Fonte di Pace

Il 9 ottobre il presidente Erdogan ha annunciato l'inizio dell'operazione "Fonte di Pace" nel nord della Siria.

Nei giorni immediatamente precedenti Ankara ha ammassato imponenti forze terrestri sul confine con la Siria per sgombeare l'area dalla presenza delle milizie curde YPG e del PKK.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik