11:41 21 Novembre 2019

Hisahito – il destino della dinastia giapponese tutto sulle spalle di un ragazzino

© AP Photo / Koji Sasahara
Mondo
URL abbreviato
251
Seguici su

L’unico figlio maschio di una dinastia imperiale che si tramanda solo per linea maschile e altri figli maschi non ce ne saranno. Quando in agosto ha fatto la sua prima apparizione pubblica in una visita ufficiale, tutto il Giappone gli ha puntato gli occhi addosso. Ma questo ragazzino di appena 13 anni reggerà la pressione?

Il Giappone consente ai soli figli maschi di salire sull'antico trono di crisantemo e le modifiche alla legge sulla successione sono considerate un anatema per i conservatori che appoggiano il Primo Ministro Shinzo Abe. La costituzione giapponese del secondo dopoguerra non conferisce all'imperatore alcuna autorità politica ma è pur vero che lo designa come "simbolo dello Stato e dell'unità del popolo". Una responsabilità in realtà non da poco e dal valore morale enorme alla quale l’intero popolo giapponese, non solo i conservatori, tiene molto.

Molti ricorderanno la storia di Masako, la principessa triste. Masako è la moglie dell’attuale imperatore Naruhito, succeduto proprio quest’anno all’imperatore emerito Akihito che aveva abdicato dopo che una speciale legge era stata approvata proprio per permettere la successione anticipata. L’imperatore Naruhito è il primogenito di due fratelli e dalla sua unione con Masako il Paese si sarebbe aspettato una grande famiglia con diversi figli maschi. Masako invece risultò affetta da una forma di depressione, poi superata, che però contribuì a farle avere un solo figlio nel 2001 all’età di 38 anni.

Una splendida bambina, Toshi, ma femmina. Altri figli non ne ha avuti. Il fratello di Naruhito, Akishino, e la moglie Kiko, a loro volta hanno avuto una figlia nel 1991, Mako, e un’altra nel 1994, Kako, per cui, alla soglia dei quarant’anni, il popolo aveva iniziato a dare per scontato che la signora Kiko non avrebbe dato altri eredi e la dinastia si sarebbe conclusa. Invece nel 2006 è nato Hisahito, l’unico che, secondo l’antica legge giapponese, può perpetuare la stirpe e salire simbolicamente al trono.

Quando Hisahito ha fatto la sua prima apparizione ufficiale in pubblico, durante la visita in Bhutan in agosto nel suo primo viaggio all’estero, quello venne considerato il suo debutto sulla scena mondiale e tutti gli occhi del Giappone si posero su di lui mentre giocava al tiro con l’arco o salutava nel tradizionale kimono ‘hakama’. Ma media, esperti, politologi e gente comune, hanno iniziato subito a porsi le domande – questo fragile ragazzino sarà in grado di sopportare l’immensa pressione che lo aspetta? Crescerà sereno, avrà una vita normale? Da grande sarà in grado di rappresentare degnamente il Paese e far fronte a tutta la mole di aspettative?

Il professore di scienze politiche alla Keio University, Hidehiko Kasahara, è tra i più preoccupati ed ha dichiarato alla Reuters:

"È importante che si renda conto di essere in grado di ereditare il trono quando interagisce con le persone e di tenerlo sempre a mente, sin dalla tenera età".

"È necessario avere qualcuno in grado di determinare con lui ciò che è appropriato per un monarca del 21 ° secolo ma non è chiaro se la corte sia consapevole di questo", ha dichiarato invece Naotaka Kimizuka, esperta di monarchie europee all'Università di Kanto Gakuin.

Hisahito sta frequentando una scuola media affiliata all’Università di Ochanomizu, rendendolo il primo membro della famiglia imperiale dopo la guerra a studiare fuori dalla scuola privata di Gakushuin riservata ai reali.

Suo nonno Akihito, ora dopo l’abdicazione di maggio a favore del figlio Naruhito imperatore emerito, si era ritagliato un importante ruolo attivo come simbolo di pace, democrazia e riconciliazione con le vittime dell'aggressione bellica del Giappone ed era riuscito a rappresentare degnamente il suo Paese. Akihito, tuttavia, a differenza di Hisahito, il futuro del Giappone, aveva un mentore speciale che lo aiutò - Shinzo Koizumi, presidente della Keio University. Ed è questo che preoccupa maggiormente gli analisti giapponesi, che il giovane Hisahito non abbia la giusta guida che lo possa ispirare.

Tags:
Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik