Widgets Magazine
04:37 12 Novembre 2019
La Cattedrale di Notre-Dame, Parigi

Pianificavano attentato a Notre-Dame: 25 e 30 anni di prigione per due donne jihadiste

© Sputnik . Sergey Mamontov
Mondo
URL abbreviato
211
Seguici su

Due donne francesi, appartenenti a un gruppo terroristico islamico di soli membri femminili donne legato all'ISIS, sono stati condannati a oltre 25 anni di prigione ciascuno per il loro tentativo fallito di far saltare in aria la cattedrale di Notre Dame con un'auto piena di bombole di gas.

Inès Madani e Ornella Gilligmann lunedì sono state condannati a 30 e 25 anni di prigione, rispettivamente, dopo che un tribunale francese le ha dichiarate colpevoli di aver tentato di voler far saltare in aria Notre Dame il 4 settembre 2016, attentato che secondo i pubblici ministeri avrebbe ucciso almeno 60 persone se fosse riuscito.

Le due donne avevano imbottito l'auto del padre di Madani con sette bombole di gas, l’hanno inondata di diesel e hanno tentato incendiarla con una sigaretta accesa. Per fortuna l'autobomba improvvisata non è esplosa - il diesel non è particolarmente infiammabile - e sono fuggite, anche se non ci è voluto molto perché la polizia le rintracciasse. Giligmann è stata arrestata due giorni dopo mentre cercava di fuggire dal paese con la sua famiglia, mentre Madani è stata presa in custodia con altri due membri della cellula terroristica mentre cercavano di accoltellare un ufficiale di polizia.

Le donne jihadiste sono state ispirate e guidate vagamente da Rachid Kassim, un terrorista dello Stato Islamico che aveva pubblicato una guida per potenziali jihadisti su come commettere attacchi che includevano il metodo delle bombole di gas. Madani e Gilligan si sono uniti a un canale di Telegram gestito da Kassim e gli hanno inviato video giurando fedeltà all'ISIS, nonché un video che rivendicava la responsabilità dell'attacco di Notre Dame prima che fallisse.

Mentre le donne hanno ammesso la loro complicità nell’attentato, ognuna ha incolpato l'altra per aver istigato l'attacco. Giligmann infatti ha insistito sul fatto di aver tentato di sabotare l’attentato usando il diesel invece di qualcosa di più infiammabile. Madani è riuscita a sfuggire all'ergastolo grazie alla sua relativa giovinezza, ha affermato il procuratore - aveva solo 18 anni al momento dell'attacco, essendo stata reclutata da un importante membro dell'ISIS che aveva incontrato online.

Correlati:

Pericolo crolli a Notre-Dame
Solo 38 milioni di euro disponibili ora per la ricostruzione di Notre-Dame
Foto di Sputnik davanti a Notre Dame: Guardian si scusa per false accuse
Tags:
Daesh vs Isis, ISIS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik