Widgets Magazine
04:11 12 Novembre 2019
Futuristic Beauty of Shanghai

Cina vuole una criptovaluta centralizzata dopo la repressione dei bitcoin

© Sputnik . Iliya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
212
Seguici su

Mentre Facebook si prepara a lanciare la sua risposta al bitcoin, la Cina è pronta a introdurre la propria valuta digitale, una che potrebbe consentire al governo e alla banca centrale di sapere come le persone spendono i loro soldi, secondo gli analisti.

Lontano dagli ideali libertari delle criptovalute, il cui anonimato consente agli utenti di acquistare e vendere senza lasciare una scia digitale, la nuova valuta virtuale cinese sarà strettamente regolato, dicono gli esperti, e gestita dalla People's Bank of China, la banca centrale cinese.

"Darebbe al People's Bank of China una visione più approfondita delle transazioni in tutto il paese", affermano gli analisti della società di ricerca con sede a Pechino Trivium China.

Alla fine di settembre, il governatore della banca centrale Yi Gang ha affermato che la nuova valuta cinese potrebbe essere associata ai sistemi di pagamento elettronico esistenti, come le popolari app telefoniche WeChat e AliPay, che sono molto diffuse e consentono transazioni in yuan tramite conti bancari.

Anche se non è stata ancora annunciata nessuna data precisa, i media cinesi stanno scommettendo su un lancio dell'11 novembre in coincidenza con "Singles Day", un enorme evento annuale di vendite online.

Yi Gang non ha detto che tecnologia ci sarà dietro lo sviluppo della valuta.

"Potremmo prendere in considerazione la tecnologia blockchain o un'altra tecnologia a partire dai pagamenti elettronici esistenti".

È probabile che sia più simile alla moneta elettronica, memorizzata su un supporto fisico, che a una criptovaluta come il bitcoin che si basa su una rete di computer.

Una cosa è certa: "Ci sarà una gestione centralizzata", ha detto Yi, l'opposto della filosofia dietro le criptovalute come il bitcoin.

Il suo scopo è "sostituire i contanti"

La Cina una volta era una roccaforte del bitcoin

Solo due anni fa, le tre principali piattaforme di trading di bitcoin cinesi - BTC China, OKCoin e Huobi - rappresentavano oltre il 98% del commercio mondiale, secondo il sito di riferimento bitcoinity.org.

Ma il settore non era regolamentato e le transazioni erano invisibili alle autorità: così Pechino ha chiuso le piattaforme di trading nel 2017.

In un paese in cui i sistemi di credito sociale e le telecamere di riconoscimento facciale si diffondono sempre di più una nuova criptovaluta cinese potrebbe consentire al governo di "monitorare più da vicino le azioni della sua popolazione", ha detto.

La valuta digitale consentirà al Banca Popolare Cinese di raccogliere nuove informazioni che è impossibile raccogliere quando una transazione avviene attraverso la valuta cartacea.

La criptovaluta di Facebook

Le mosse della Cina coincidono con i piani di Facebook di lanciare una criptovaluta chiamata Libra.

L'emergere di Libra è stato un "allarme" per Pechino, secondo un ex funzionario della banca centrale citato dalla stampa cinese.

A causa dell'implementazione del prossimo anno, Libra dovrebbe offrire un nuovo metodo di pagamento al di fuori dei canali bancari tradizionali per acquistare beni o inviare denaro con la stessa facilità di un messaggio istantaneo.

Come il bitcoin, la valuta virtuale di Facebook "rappresenta una competizione e una minaccia" per lo yuan in quanto Pechino è ansiosa di stabilizzare la propria valuta, ha affermato Song.

Ovviamente le criptovalute non preoccupano solo Pechino.

Il piano di Facebook ha visto pesanti critiche da parte dei regolatori e dei legislatori negli Stati Uniti e in Europa, con l'amministratore delegato Mark Zuckerberg che dovrebbe affrontare delle domande a varie udienze del Congresso.

Il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire ha avvertito che Libra rappresenta una minaccia alla "sovranità monetaria" dei governi e non può essere autorizzata in Europa.

Il Senato francese ha sostenuto la creazione di una criptovaluta pubblica, sotto l'egida della Banca centrale europea.

La controversia ha visto grandi società finanziarie come Visa, Mastercard ed eBay a ritirarsi dal programma.

Tuttavia, molti analisti si aspettano che sempre più transazioni in tutto il mondo si sposteranno online, in un modo o nell'altro.

Correlati:

La Cina pronta a lanciare un treno magnetico che andrà a 1000 km/h
Accordo sui dazi, Trump ringrazia la Cina
Il padrone americano vuole sganciare l’Italia dalla Cina
Tags:
Tecnologia, criptovaluta (criptovalute), criptovaluta
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik