15:59 22 Novembre 2019
La Luna

In vacanza sulla Luna: presto potrebbe essere possibile grazie a Roscosmos

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
234
Seguici su

L'agenzia spaziale russa Roscosmos starebbe progettando di costruire sulla Luna una base alimentata ad energia atomica che potrebbe ospitare clienti molto facoltosi.

Il progetto sarebbe in sviluppo presso una delle associate di Roscosmos, che progetta di costruire una base lunare da 462 milioni di dollari e nella quale potranno vivere simultaneamente fino a 50 persone.

La base, denominata Patron Moon, dovrebbe pesare circa 70 tonnellate e sarà composta da tre moduli retrattili, mentre l'approviggionamento energetico sarà garantito dalla presenza di una mini centrale nucleare.

Per trasportare i materiali di costruzione, come riferito dai media russi, sarà utilizzato un supermissile Yenisei, che deve il suo nome all'omonimo fiume siberiano.

Una volta giunta sulla superficie lunare, la Patron Moon si fisserà al terreno grazie a degli speciali sistemi di scavo previsti nella progettazione dei suoi moduli, consentendo l'assemblamento della base e la sua connessione alla mini centrale atomica.

Un albergo per clienti molto facoltosi

Nelle intenzioni di Roscosmos c'è quella di affittare la struttura a dei clienti particolarmente facoltosi, così da riuscire a ripagare l'enorme investimento, si stima, nel giro di appena un anno.

Secondo le prime indiscrezioni, un posto nella base costerà infatti una cifra monstre compresa tra i 10 e i 30 milioni di dollari.

Considerando però che il progetto non vedrà la luce prima del 2028, tutti i potenziali ospiti hanno ancora qualche anno per risparmiare abbastanza soldi da potersi permettere questo speciale soggiorno.

Il programma lunare russo

La Russia, così come altri Paesi, ha un programma di esplorazione lunare molto ambizioso che prevede di lanciare un nuovo veicolo pesante entro la prossima decade e di utilizzarlo per creare una base permanente sulla superficie del satellite terrestre.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik