Widgets Magazine
12:56 13 Novembre 2019
Donald Trump

Accordo sui dazi, Trump ringrazia la Cina

© REUTERS / Jonathan Ernst
Mondo
URL abbreviato
0 90
Seguici su

Il presidente Donald Trump si è detto soddisfatto per l'accordo che dovrebbe portare a una svolta nella guerra dei dazi. Il più grande accordo in favore dei Grandi Agricoltori Patrioti nella storia degli USA, ha annunciato su Twitter.

La Casa Bianca ha espresso soddisfazione per la conclusione dell'accordo con la Cina, che eviterà l'imposizione di ulteriori dazi alle importazioni fra i due paesi. Novità anche sul piano agroalimentare, che a detta del presidente, porteranno benefici ai produttori americani e annuncia sorprese. 

"L'accordo che ho appena firmato con la Cina è, di gran lunga, il più grande e il più grosso accordo mai siglato a fare dei nostri Grandi Agricoltori Patrioti nella storia del nostro Paese", ha scritto Trump in un tweet, "In effetti, c'è una domanda sul fatto se sia possibile produrre così tanto? I nostri agricoltori lo scopriranno. Grazie Cina!"

​Gli accordi non saranno vantaggiosi solo per il settore agroalimentare, ma riguarderanno anche il settore finanziario e la tecnologia. Annuncia inoltre investimenti sugli aerei Boeing per $16-20 miliardi. 

La fase 1

Con la firma di ieri si è conclusa la fase 1 delle trattative. L'accordo ha portato alla sospensione di $250 milioni di dazi alle importazioni cinesi che sarebbero entrati in vigore il prossimo 15 ottobre. Tuttavia rimangono ancora le restrizioni sulle questioni tecnologiche, in particolare sulle misure nei confronti di Huawei. Nelle fasi successive si dovrebbe finalmente porre fine alla guerra commerciale. 

La guerra commerciale sui dazi tra Washington e Pechino era iniziata nel 2018, periodo in cui il deficit commerciale americano aveva spinto la Cina a sfidare la supremazia tecnologica degli Stati Uniti. Questo aveva scatenato l'aumento tariffario, da entrambe le parti, dei dazi sull'importazione di numerosi beni.

 

Tags:
dazi, Donald Trump, Cina, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik