06:10 16 Dicembre 2019
Heiko Maas

La Germania ferma le esportazioni di armi verso la Turchia

© AP Photo / Ebrahim Noroozi
Mondo
URL abbreviato
112
Seguici su

La Germania ha annunciato lo stop delle esportazioni di armi ed altri equipaggiamenti militari che potrebbero essere utilizzati dalla Turchia in Siria.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha reso noto che Berlino da oggi non siglerà contratti di fornitura di armi ed altri equipaggiamenti militari che potrebbero essere usati dalla Turchia nell'ambito dell'operazione "Fonte di Pace", precisando che tale scelta è da intendersi come un atto di severa condanna dell'offensiva di Ankara nel nordest della Siria.

"Sullo sfondo della recente offensiva militare turca nel nordest della Siria, il governo federale ha deciso di annullare ogni permesso di importazioni di armamenti che potrebbero essere utilizzati dalla Turchia in Siria", ha spiegato Maas.

Da tali parole emerge che la Germania non interromperà completamente le forniture di armi verso la Turchia, con il decreto che non dovrebbe influenzare i contratti già preesistenti.

Secondo i dati a disposizione si stima che Berlino abbia venduto armamenti per un valore complessivo superiore ai 240 milioni di euro nel 2018, ovvero circa un terzo del totale delle esportazioni di armi tedesche.

Stop anche da Norvegia e Paesi Bassi

L'annuncio di Berlino fa seguito a quello di altri due Paesi Europei che per primi hanno comunicato l'embargo sulle esportazioni militari verso la Turchia.

Ieri Oslo ha reso noto che non avrebbe più garantito licenze di esportazione su armamenti diretti verso l'Anatolia, come riportato in una nota del ministro degli Esteri norvegese Ine Eriksen Søreide.

"In virtù di una situazione poco chiara e in rapido cambiamento, il Ministero degli Esteri, in qualità di misura precauzionale, non garantirà per il momento ulteriori licenze di esportazioni su prodotti militari diretti verso la Turchia".

Anche Amsterdam, sulla stessa linea, ha pubblicato un comunicato in cui si rende noto lo stop all'export di armi verso Ankara.

"I Paesi Bassi hanno deciso di sospendere tutte le licenze sull'equipaggiamento militare diretto verso la Turchia".

La Svezia valuta l'embargo militare verso Ankara

Anche la ministra degli Esteri svedese Ann Linde ha sostenuto la necessità di un embargo sulle forniture di armi contro la Turchia da parte dell'Europa, annunciando che la questione sarà posta sul tavolo a Bruxelles, in caso di approvazione da parte del Parlamento svedese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik