Widgets Magazine
13:01 13 Novembre 2019
Corrente

California: 800.000 persone rimarranno senza luce per il rischio di incendi naturali

© Sputnik . Sergey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
110
Seguici su

La compagnia energetica Pacific Gas and Electric (PG&E), responsabile dei più grandi incendi nella storia della California, interromperà la fornitura di energia elettrica a 800 000 utenti a causa della minaccia di incendi naturali, viene riportato sul sito web della società.

"La Pacific Gas and Electric Company conferma che come misura preventiva per ridurre il rischio d'incendi naturali durante i forti venti previsti, la società effettuerà" interruzioni di corrente per la sicurezza pubblica "in parti dei 34 distretti nord, centrali e costieri. Ciò influirà sulla fornitura di elettricità a 800 000 utenti", ha riportato la società.

Le interruzioni inizieranno mercoledì notte e verranno introdotte gradualmente, a partire dagli stati del nord. Secondo le previsioni meteorologiche, martedì sera si prevedono forti venti in alcune zone della California, il che aumenta il rischio di propagazione degli incendi naturali. Si presume che tali condizioni meteorologiche continueranno nella regione fino a giovedì sera.

L'incendio più devastante della storia della California

In precedenza, i vigili del fuoco della California hanno dichiarato che PG&E si è resa colpevole del più devastante incendio nella storia dello stato. Lo scorso novembre, a seguito di gravi incendi boschivi in ​​California, sono rimaste uccise 85 persone, sono state distrutte circa 14.000 case, 528 edifici commerciali e più di 4000 altre strutture. I vigili del fuoco hanno scoperto che le linee elettriche PG&E hanno provocato l'incendio. La società deve pagare $1 miliardo di risarcimento.

Correlati:

Il californio sequestrato in Turchia è arrivato da una potenza nucleare
La California annuncia stato di emergenza dopo il terremoto
Terremoto in California: crepa visibile dallo spazio
Tags:
energia elettrica, elettricita, Energia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik