23:45 15 Novembre 2019
La costruzione di Nord Stream-2

Ministro Energia USA: Nord Stream 2 è colpo devastante per Europa

© Foto: Nord Stream 2/Axel Schmidt
Mondo
URL abbreviato
2226
Seguici su

Il capo del Dipartimento dell'Energia USA in visita in Lituania, ha ribadito il pericolo della realizzazione del Nord Stream 2. A sua volta, il ministro degli Esteri lituano ha proposto di rendere Klaipeda la porta d'ingresso del gas americano in Europa.

La realizzazione del gasdotto Nord Stream-2 aumenterà l'influenza della Russia sui paesi europei e li renderà più vulnerabili, ha affermato il segretario all'energia statunitense Rick Perry in una conferenza sulla cooperazione energetica a Vilnius.

“Il Nord Stream 2 sarà un duro colpo per la diversificazione energetica e la sicurezza dell'Europa ", ha dichiarato Perry, rilevando che dopo l’avvio delle attività del nuovo gasdotto l'Europa sarà più a rischio di interruzioni delle forniture di gas e la Russia sarà in grado di fermare il transito del gas attraverso l'Ucraina.

Il capo del Ministero dell'Energia ha sottolineato che gli Stati Uniti stanno considerando la possibilità di fornire il proprio gas all'Europa come "un'opportunità per portare più libertà e concorrenza sul mercato".

A sua volta il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevicius ha proposto di trasformare il porto lituano di Klaipeda in una porta per il gas dagli Stati Uniti in Europa.

"Abbiamo bisogno di voi in Europa, abbiamo bisogno del vostro gas di scisto in Europa", ha detto il ministro. "Abbiamo capito che possiamo essere membri dell'UE, della NATO, ma finché dipendiamo da una fonte, non potremo mai essere completamente indipendenti", ha spiegato Linkevičius.

La possibile approvazione della Danimarca al progetto

Alcuni giorni fa alcune fonti il governo della Danimarca avrebbero affermato che il paese sarebbe pronto a dare il via libera per il passaggio del Nord Stream  2 sulla propria zona economica eslcusiva e che le trattative per l'approvazione sarebbero passate al livello amministrativo.

Tra gli argomenti decisivi per far passare la costruzione del gasdotto ci sarebbero anche delle considerazioni di carattere ecologico, così come la possibile interruzione forzata delle estrazioni di gas in territorio danese. 

Alcuni esperti ritengono che quest'ultima circostanza potrebbe costringere Copenhagen a considerare l'idea di approvvigionarsi di gas dalla Norvegia o, per l'appunto, dalla Russia.

Al momento attuale la Danimarca è l'unico Paese, tra quelli sul territorio dei quali il Nord Stream 2 passerà, a non aver dato il proprio assenso alla realizzazione del progetto.

Il Nord Stream 2

Il Nord Stream  2 è un nuovo gasdotto che dovrebbe trasportare circa 55 miliardi di metri cubi di gas ogni anno partendo dalla Russia passando per il mar Baltico e terminando in Germania. 

I lavori sono cominciati nel 2016 e al momento attuale ne è stato costruito circa l'80%, come reso noto dalla compagnia russa Gazprom.

Secondo i piani, la realizzazione del Nord Stream 2 dovrebbe essere terminata entro il 2019 e l'enorme struttura transiterà per le acque territoriali e le ZEE (Zona Economica Esclusiva) di Russia, Finlandia, Svezia, Danimarca e Germania.

Contro la costruzione del gasdotto si sono schierate l'Ucraina, spaventata di poter perdere gli introiti dovuti al transito del gas russo, e gli Stati Uniti d'America, che invece coltivano ambiziosi piani legati all'export del suo gas naturale liquefatto.

Tra i fautori del progetto anche l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder, oggi presidente del consiglio di amministrazione della società Nord Stream 2 AG.

Correlati:

Nord Stream-2, la Danimarca non ha più obiezioni politiche alla costruzione del gasdotto
Presidente Bundestag: rinunciare al Nord stream-2 non è una decisione ragionevole
Business tedesco avverte: sanzioni Usa contro Nord Stream-2 minaccia per l'Europa
Tags:
ministro degli Esteri, Energia, gas
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik